Home Sambenedettese Calcio Sambenedettese Calcio, Rossoblù sconfitti immeritatamente e ora rischiano di uscire dalla zona...

Sambenedettese Calcio, Rossoblù sconfitti immeritatamente e ora rischiano di uscire dalla zona playoff

120
0
I tifosi della Sambenedettese (foto: www.sambenedettesecalcio.it)

2-1

SUDTIROL (4-3-1-2) Nardi; Ierardi, Pasqualoni, Vinetot, Fabbri (81′ Mattioli); Morosini, De Rose (88′ Berardocco), Fink; Turchetta (88′ Casale); Lunetta (64′ Mazzocchi), Romero (64′ De Cenco) A disp. Gentile, Ravaglia, Casale, Antezza, Berardocco, Oneto, Romanò All. Zanetti

SAMBENEDETTESE (3-4-1-2) Sala; Celjak, Miceli, Biondi; Rapisarda, Rocchi (66′ Signori), Gelonese, Fissore; Ilari (76′ Caccetta); Russotto (76′ Di Massimo), Stanco A disp. Pegorin, Rinaldi, Bove, De Paoli, D’Ignazio, Panaioli All. Magi

ARBITRO Marco Ricci della sezione di Firenze

RETI 42′ Morosini, 44′ Stanco, 86′ Turchetta

NOTE Ammoniti: 28′ Ierardi, 28′ De Rose, 52′ Rapisarda, 59′ Gelonese, 84′ Caccetta, 90′ Celjak

Mister Magi – come riportato dal sito societario – ripropone gli stessi 11 di domenica scorsa. Pronti via e subito occasione per la Samb: Russotto, al 4′, si conquista e batte un calcio di punizione dalla sinistra, la palla arriva in area per Stanco che stacca di testa ma mette alto da buona posizione. Risposta degli altotesini 2 minuti dopo con un guizzo di Morosini, fermato irregolarmente sulla sinistra da Biondi. Lo stesso numero 23 va alla battuta del piazzato, la difesa rossoblu libera l’area senza patemi. Al minuto 9 gran botta ancora di Morosini da fuori: palla fuori di poco. La Samb si riaffaccia dalle parti di Nardi con Stanco, l’estremo locale però respinge all’11’. Al 18′ è ancora Stanco a provarci di testa da posizione defilata, Nardi blocca senza problemi. Sul capovolgimento di fronte il Sudtirol guadagna una punizione dal limite, parte il solito Morosin ma Sala risponde presente e mette in angolo. Al 24′ Sala compie un vero e proprio miracolo deviando in angolo un tiro di Lunetta che si era involato in area indisturbato. Al 34′ la Samb torna a farsi pericolosa: cross lungo dalla sinistra di Celjak che mette sul secondo palo dove arriva Fissore che, però, in spaccata non riesce a centrare la porta. Al 37′ rispondono i locali con un colpo di testa di Vinetot, palla fuori. Al 42′ gli altoatesini vanno in vantaggio con Morosini, abile a sfruttare una palla vagante in area e da due passi a battere Sala. La Samb reagisce subito e due minuti dopo è Stanco a metterla dentro di testa su cross dalla destra di Rapisarda. Nell’unico minuto di recupero il Sudtirol colpisce una traversa con la palla che arriva poi dalle parti di Ierardi che di testa però spara fuori. Finisce così un bel primo tempo, ricco di emozioni e di azioni da gol.

Al rientro in campo non si registrano avvicendamenti e il Sudtirol al 49′ si guadagna un calcio di punizione dal limite. Alla battuta va Turchetta, ma Sala è bravo e in tuffo sventa la minaccia. I ritmi sono decisamente diversi rispetto al primo tempo ma al 63′ Russotto se ne va sulla sinistra e mette dentro per Stanco, l’attaccante si gira e calcia ma Nardi riesce a salvarsi con la complicità del palo. Al 67′ mister Magi mette dentro Signori al posto di Rocchi. Al 75′ occasione per gli altoatesini con il neo entrato Mazzocchi che da buona posizione svetta di testa ma non inquadra la porta. Al 76′ doppio cambio per la Samb: fuori Ilari e Russotto, dentro Caccetta e Di Massimo. Locali ancora pericolosi con un cross in area sul quale stacca De Cenco, palla a lato. Al minuto 85′ gran punizione dai 30 metri del solito Morosini, Sala salva in corner. Sugli sviluppi del corner, però, la palla arriva a Turchetta che mette dentro. Sudtirol in vantaggio.

La Samb prova a reagire e ha un’occasione nei minuti di recupero con Caccetta che dopo un lancio di Celjak va a scontrarsi con Vinetot, l’arbitro fischia, lasciando più di un dubbio, gioco pericoloso nei confronti del centrocampista.

Al Druso finisce 2-1, la Samb torna a casa senza punti ma con un’ottima prestazione. Il problema è che ora le inseguitrici Teramo e Gubbio (che hanno pareggiato rispettivamente contro Vicenza e Triestina) sono a soli due punti dall’aggancio e mettono a rischio i playoff dei rossoblù.