Home Cronaca Maltignano, Festa finale per la chiusura della Scuola di Community Manager

Maltignano, Festa finale per la chiusura della Scuola di Community Manager

263
0

Si è svolta nel centro di aggregazione giovanile di Caselle di Maltignano, la festa di chiusura del Cag Vacanze “Scuola di Community Manager”. Un progetto per ricostruire il tessuto sociale post sisma nato dalla collaborazione tra Laboratorio della speranza, Fondazione Carisap, Cooperativa Eureka, Cooperativa Albero della vita e Cooperativa Miniera delle Arti.

Presente gran parte dell’amministrazione comunale di Maltignano con il sindaco Armando Falcioni, la vicesindaca ed assessore alle Politiche Sociali Monica Mancini Cilla, l’assessore all’Ambiente e al Verde Pubblico Fausto Spurio, la consigliera delegata alle Politiche Giovanili Carla Soletti, il consigliere delegato allo sport Fabio Nazzari, la consigliera delegata all’Istruzione Daniela Merlonghi e il consigliere delegato alle Politiche attive per il Lavoro Lisso Francesco. “Un ringraziamento va ai nostri ragazzi – le parole congiunte da parte degli amministratori comunali -, i quali hanno dimostrato abnegazione e spirito di comunità per dare linfa a questo luogo.

L’aggregazione è un punto cardine della nostra società e rappresenta un principio su cui lavorare generazione dopo generazione. Grazie al Laboratorio della Speranza, alla Fondazione Carisap, alla coordinatrice Susanna Lopazio, agli anziani, a tutte le associazioni coinvolte e alle famiglie. L’obiettivo del centro è stato, e continuerà ad essere, quello di riuscire a gestire lo spazio di aggregazione giovanile del comune di Maltignano, coinvolgendo le realtà presenti, che già operano nel territorio strutturando attività e laboratori per giovani, bambini e anziani in un’ottica intergenerazionale, studiando anche la rigenerazione di ulteriori spazi adiacenti al centro stesso come spazi verdi e impianti sportivi. L’amministrazione comunale si è attivata fin da subito nel coinvolgimento delle famiglie, dei bambini e degli anziani del territorio in una ottica di scambio intergenerazionale. In questi due anni di progetto – concludono gli amministratori – il centro è stato costantemente aperto con numero di frequenze molto alto tra bambini e adolescenti, tra famiglie che usufruiscono del centro per stare insieme e associazioni del territorio che necessitano di un luogo per incontrarsi”.

Oltre ai giochi organizzati dagli operatori, ad animare l’evento hanno preso parte anche il gruppo de Gli Skizzati, Gabry Zumba e gli Arcarius Helvinium. Prima della pennettata di gruppo offerta dal comitato festa di Caselle è stato inaugurato il secondo murales. Protagonisti ovviamente i giovani, che hanno dato vita ad un disegno che rappresenta l’amicizia e il centro di aggregazione. Tale servizio è stato reso possibile a livello pratico grazie all’associazione partner Eureka. Numerose sono state le famiglie che hanno partecipato in maniera attiva a questa giornata evento di chiusura ed inaugurazione, con giochi e banchetto offerti dai genitori stessi. Presto verranno progettate le attività da proporre da settembre a giugno 2020.