Home Cronaca A San Benedetto seminario “Lavoro del Mare” nell’ambito del 26° Premio Bizzarri

A San Benedetto seminario “Lavoro del Mare” nell’ambito del 26° Premio Bizzarri

449
0

SAN BENEDETTO, Sabato 16 novembre, presso la Sala Smeraldo dell’Hotel Calabresi si terrà il seminario “Lavoro del mare”, organizzato nell’ambito del 26° Premio Bizzarri.
La città di San Benedetto del Tronto si è sviluppata attorno alle risorse del mare: l’Adriatico per decenni ha garantito lavoro, ricchezza, trasporti e turismo e il convegno vuole rilanciare il lavoro del mare e vuole anche evidenziare quanto sia importante formare scolasticamente le nuove generazioni alle tante professioni, ai molteplici lavori e mestieri inerenti il mare.

La sessione mattutina (ore 10-12), infatti, è rivolta agli alunni delle Scuole Superiori e prevede la partecipazione di Lorenzo Cameli, studente del Liceo Scientifico delle Scienze Applicate “Luigi Mercantini” di Ripatransone che lo scorso agosto ha ottenuto il record mondiale di navigazione (140 miglia marine) con Laser in solitario.

Il programma prevede  i saluti delle autorità, di Maria Pia Silla – Presidente Fondazione Libero Bizzarri, Maria Paola Alviti – Presidente dell’Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche (INSMLI), Giuseppe Marucci –  Vicepresidente INSMLI, Maurizio Blasi – Caporedattore Rai 3 Marche, con la proiezione del suo documentario, dal titolo “Forse il mare”, dello storico Gino Troli, di Mauro Colarossi – Comandante Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto.

Nella sessione pomeridiana (ore 16-19), rivolta a Docenti, Operatori del settore e al pubblico ingenerale, si aggiungeranno il saluto del Sindaco Pasqualino Piunti e gli interventi dello storico Costantino Di Sante e di Lucia Marinangeli, con la relazione dal titolo  “Ugo Marinangeli, la storia della pesca e della marineria sambenedettese”.

Nel corso del seminario sono previste proiezioni di abstract delle interviste ai pescatori curate dalla Fondazione Bizzarri e del documentario “Il porto di San Benedetto” di Luigi Maria Perotti.