Home Cultura & Spettacolo Ascoli, Mostra Grand Tour della ceramica classica italiana

Ascoli, Mostra Grand Tour della ceramica classica italiana

256
0
La Chiesa di San Tommaso nel cui Chiostro è ospitato il Museo dell'Arte della Ceramica

Al Museo dell’Arte Ceramica, in piazza San Tommaso, venerdì 29 novembre si terrà la mostra “Grand Tour della Ceramica classica italiana”.

L’inaugurazione prenderà il via dalle ore 17 e si concluderà con un brindisi. L’evento, a ingresso gratuito, verrà replicato lunedì 13 gennaio 2020.

“Sottolineando l’importanza della tradizione storica della nostra
ceramica – spiegano gli organizzatori – è indubbio che la Pubblica Amministrazione sta investendo notevolmente in termini di impegno, di programmazione, di scelte,tese a dare forza, vigore e vitalità alle idee artistiche.
La maiolica legata alla storia dell’uomo ed alla sua territorialità
necessità di uno sguardo privilegiato sulla sua produzione,
oltrepassando i confini Nazionali con occhio attento anche all’Europa ed alle sue migliori Eccellenze.

La città di Ascoli Piceno inserita nel circuito AiCC con l’approvazione del proprio Disciplinare, trova ampio spazio e consensi in tutte le migliori platee Italiane ed Internazionali, ecco perchè questa esposizione ha trovato la sua giusta collocazione anche nel Museo dell’Arte Ceramica, a dimostrazione che la tradizione della maiolica Ascolana è un patrimonio che racconta un linguaggio territoriale che non è comparabile ad altre valenze produttive per l’alto livello.

Assistiamo oggi ad una crescita territoriale del nostro comparto grazie all’investimento che l’Ente ha in animo di proseguire e che rende possibili queste forme di alleanze e di visibilità. Si alimenta l’interesse con un potenziale evocativo e turistico al pari di una realtà Metropolitana.
In quest’ottica il Museo dell’Arte Ceramica accoglie le arti creative, in questo caso Tradizionali, dalle quali tutti dovremmo coglierne l’anima evocativa in un rinnovato interesse.
La mostra “Grand Tour” – Alla scoperta della ceramica Classica italiana coinvolge ceramiche da mensa di foggia classica, tipiche della tavola italiana: da qui il nome “Grand Tour”, per descrivere una serie di forme e decori che vanno dall’antichità all’età moderna, dedicate alla consumazione di cibi e bevande.

Se il “Gran Tour” – ci riporta al lungo viaggio di turismo colto di
viaggiatori illustri – da Goethe a Stendhal, da Dickens a Huxley – destinato a perfezionare il loro sapere, questo nostro “Gran Tour” ci porta negli innumerevoli centri di produzione ceramica, dalla Puglia al Veneto, dalla Sicilia e Sardegna alla Liguria e Piemonte, dall’Abruzzo alla Romagna e alla Toscana… ai “cento campanili” della nostra penisola dove “cento” stili decorativi e “cento” gusti coloristici hanno costruito nel tempo una tradizione che ancora oggi si affida alla sapienza di mani esperte.
Ed è la ceramica, vero e proprio ” piatto forte” della suppellettile da mensa, il filo rosso del percorso che siamo invitati a compiere e il motore di questa insolita macchina del tempo.

Con il Patrocino del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, l’esposizione di oltre 65 pezzi troverà nel Chiostro del Museo dell’Arte Ceramica una collocazione di prestigio, riconosciuta anche dal presidente AiCC , di cui andare fieri.
La permanenza comprenderà anche tutto il periodo Natalizio e sarà una vetrina unica in Italia per tutti i turisti e viaggiatori che approderanno in città.
L’auspicio migliore e vincente è che l’Ente punterà sempre in
esclusiva sul city branding con il marchio, fatto in Ascoli, approvato dal Ministero dello Sviluppo Economico, che alimenterà il primato in Italia conquistato per un raro gusto estetico e per la sua specifica peculiarità.

La Maiolica, e le Mostre che ospiteremo veicoleranno, dinanzi alle migliori platee Internazionali e le altre città Italiane,i migliori primati e gli alti riconoscimenti.
Con l’auspicio – concludono – di avere una platea rilevante di estimatori e appassionati e turisti che avranno il privilegio di vederla, verrà inaugurata il 29 novembre alle ore 17, presso il complesso Monumentale dell’Arte Ceramica.”