Home Politica Celani presenta una mozione per stabilizzazioni personale Sisma

Celani presenta una mozione per stabilizzazioni personale Sisma

62
0

Il consigliere regionale di Forza Italia, Piero Celani, presenta una mozione alla Regione per le stabilizzazioni del personale sisma.

“Il DL Sisma è stato approvato dal Parlamento con l’impegno da parte del Governo di convocare celermente, presso il Ministero della Pubblica Amministrazione, – spiega Celani – un tavolo per il riordino del personale attualmente in servizio nei Comuni e negli USR Regionali. Ad oggi – denuncia il Vice Presidente del Consiglio regionale delle Marche Piero Celani (Fi) – sono state fatte tante promesse e zero fatti. La Regione Marche non può restare silente, per questo ho presentato oggi una specifica mozione sul tema in modo da impegnare formalmente anche l’esecutivo regionale e il Presidente Luca Ceriscioli che, dopo alcune prese di posizioni condivisibili in contrapposizione al suo stesso partito, ora è tornato sui temi del sisma a latitare.

La ricostruzione è paralizzata oltre che per l’assenza di norme speciali anche e soprattutto per la gestione precaria del personale coinvolto. In molti Comuni stanno scadendo i 36 mesi di contratto a tempo determinato per il personale che si è formato sul campo in questi tre anni. È assurdo che ora i sindaci debbano fare nuovi concorsi per reclutare nuovo personale (nuovamente da formare) perché l’esecutivo giallo rosso non è capace di affrontare con coraggio e pragmaticità il tema.

È chiaro a tutti ormai, che i territori dell’entroterra coinvolti dal terremoto torneranno alla normalità forse tra 15/20 anni: c’e quindi urgenza di avviare un processo di stabilizzazione del personale anche ampliando le attuali piante organiche a tempo indeterminato dei piccoli Comuni oppure consentendo alle Regioni di stabilizzare, detto personale, per poi comandarlo nei Comuni terremotati.

Il Ministro della PA, Fabiana Dadone, – conclude Piero Celani- mantenga la promessa e si attivi con urgenza per dare risposte alle comunità distrutte dal terremoto.”