Home Cronaca Grottammare, concorso pubblico per istruttore direttivo tecnico

Grottammare, concorso pubblico per istruttore direttivo tecnico

139
0
A Grottammare è ancora attivo il concorso pubblico, per soli esami, per la copertura di un posto di istruttore direttivo tecnico, categoria D1, a tempo pieno ed indeterminato.
SCADENZA DEL TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

I candidati devono presentare al Comune di Grottammare la domanda di partecipazione al concorso entro il 27/02/2020 con una delle seguenti modalità:

– depositata a mano direttamente all’Ufficio Protocollo del Comune di Grottammare, Via Marconi, 50, negli orari di apertura al pubblico, consultabili nella pagina del sito www.comune.grottammare.ap.it > Sezione Uffici, Orari, Procedimenti e Modulistica > Orari di ricevimento al pubblico;
oppure
– per mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento al seguente indirizzo: COMUNE DI GROTTAMMARE – Servizio Personale – Via Marconi, 50 – 63066 Grottammare (il plico deve pervenire entro il termine sopra indicato, non fa fede la data del timbro dell’ufficio postale inviante);
oppure
– mediante un messaggio di posta elettronica certificata proveniente dall’utenza personale del candidato, ai sensi della normativa vigente, inviato all’indirizzo P.E.C. del Comune di Grottammare: comune.grottammare.protocollo@emarche.it . Farà fede la data e l’ora di ricezione della domanda nella casella di posta elettronica certificata del Comune di Grottammare, attestata dalla ricevuta di consegna.
La domanda di partecipazione, così come la fotocopia del documento di identità valido e la ricevuta della tassa concorso, dovranno essere trasmessi come allegati del messaggio preferibilmente in formato .pdf.
Non saranno ammesse le domande pervenute oltre i termini sopra indicati, né le domande non recanti la sottoscrizione del candidato, né quelle dalle quali non si possano evincere le generalità del candidato.
 
REQUISITI GENERALI E PARTICOLARI PER L’AMMISSIONE AL CONCORSO
1) Diploma di Laurea in Architettura o Ingegneria civile o edile, conseguito secondo l’ordinamento universitario previgente o Laurea Specialistica/Magistrale conseguita secondo il nuovo ordinamento nelle medesime discipline;
2) Abilitazione all’esercizio della professione di Architetto o Ingegnere.