Home Cultura & Spettacolo Nuovo appuntamento con “Energie Vive Focus #19_20”: al Teatro delle Energie arriva...

Nuovo appuntamento con “Energie Vive Focus #19_20”: al Teatro delle Energie arriva “Le tre vecchie” di Jodorowsky

100
0

Al Teatro delle Energie di Grottammare si continua con gli appuntamenti di “Energie Vive Focus #19_20“, stagione teatrale proposta da Amat, Profili Artistici ed il Comune di Grottammare.

In arrivo il quarto speciale incontro, che vedrà la messa in scena dello spettacolo “Le tre vecchie” di Alejandro Jodorowsky per la regia di Alessandro Marinelli, alle ore 21:00.

In un ospedale psichiatrico, due vecchie sorelle vengono sottoposte a una seduta terapeutica condotta da una misteriosa dottoressa e da un’infermiera. Le due sorelle sono invitate a ricordare il loro passato, ma il loro atteggiamento è ostile ed entrambe tentano di falsificare gli eventi trascorsi. Quando le strategie della terapeuta si fanno più dure, le due sorelle cominciano a cedere e, come in un giallo, ripercorrono a ritroso i traumi e gli accadimenti dolorosi che hanno segnato la loro esistenza. La presa di coscienza del materiale rimosso riapre ferite dolorose ma allo stesso tempo avvia un processo di redenzione che le proietta verso l’accettazione e le libera da una sofferenza psichica insopportabile.
Le vecchie contesse De Felice, nobili gemelle decadute, sono affette da un grave disturbo psichico: rimuovono sistematicamente il loro misterioso passato, lo distorcono, s’imbellettano come fanciulle in fiore nella speranza di attrarre spasimanti che le salvino dalla miseria e che le rendano madri, senza alcun pensiero alla sterilità anagrafica in cui sono ormai confinate. Paradossalmente, ora che la vecchiaia le ha ormai divorate, nei loro corpi appassiti rinverdiscono le tensioni sessuali della giovinezza, il loro essere brama, l’irruenza del corpo maschile, la loro carne risente la morsa d’un piacere malato, consumato anni addietro in modo aberrante, nel perimetro angusto delle mura domestiche. Sono creature che vivono ai margini queste contesse, larve reiette, schernite ed estromesse da un mondo che non sa comprendere.

Osservandole, tornano alla memoria le parole con cui Pirandello descriveva il sentimento del contrario: “Vorremmo ridere, ma il riso non ci viene alle labbra schietto e facile; sentiamo che qualcosa ce lo turba e ce l’ostacola; è un senso di commiserazione, di pena e anche d’ammirazione”. E infatti, mentre l’intreccio procede in costante bilico tra la pochade e il Grand Guignol, si avverte il peso d’un dolore insopportabile, d’uno strazio lacerante e impossibile da cancellare. Si avverte l’abisso. Ed è appunto l’abisso ciò che più ha destato interesse; indagare, l’orrore da cui origina una devianza, la genesi d’un comportamento non allineato.
Perché oggi — come ieri — ciò che è diverso è spesso demonizzato. Invece, prima d’ogni altra cosa, ciò che è diverso dovrebbe essere compreso.

“Nel testo di Jodorowsky, le due contesse De Felice, Grazia e Meliza, hanno circa ottant’anni e, non avendo marito, vivono insieme nel vecchio castello di famiglia, povere e dimenticate dalla società. Al loro servizio c’è solo una serva centenaria, Garga, che nonostante l’età e le continue vessazioni a cui è sottoposta, continua ad accudirle.
Diversamente da quanto accade nella stesura originale, totalmente ambientata nel vecchio castello, la nostra riscrittura de Le Tre Vecchie si colloca all’interno di un ospedale psichiatrico. È un cambiamento rilevante, che serve a spiegare il senso dell’intera operazione.
Ci siamo concentrati maggiormente sulla condizione della vecchiaia, sui risvolti psichici che i traumi della giovinezza provocano nella vita di chi li ha subiti.”

Con Rossana Candellori, Romana Romandini, Silvia Maria Speri, Elisa Maestri
regia e Elaborazione Drammaturgica: Alessandro Marinelli Scene, Luci e Effetti Video: Pietro Cardarelli
aiuto regia: Valter Finocchi
costumi: Marilena Cinciripini
maschere: Anna Sances
scenotecnica: Tommaso Tosti

INFO E PRENOTAZIONI – ENERGIE VIVE FOCUS#19_20

I biglietti si possono acquistare al costo di 15€ presso le biglietterie AMAT o al numero 071 2072439, sul sito www.vivaticket.it o presso il botteghino del Teatro delle Energie il giorno dello spettacolo (La biglietteria apre alle ore 19 e 30).

email: info@profiliartistici.it
info telefonica: 331 2693939

Facebook: Accademia Di Teatro di Eugenio Olivieri
Instagram: teatro_sbt
Twitter: Teatro_SBT
email: info@accademiateatrosbt.it