Home Cronaca San Benedetto, sabato 29 iniziano i lavori per la tribuna ovest del...

San Benedetto, sabato 29 iniziano i lavori per la tribuna ovest del “Ballarin”

166
0

Iniziano i lavori per il “Ballarin”, il più antico impianto sportivo di San Benedetto del Tronto.

Sabato 29 febbraio si comincerà con lo smontaggio dell’impalcatura di protezione e il montaggio della recinzione di cantiere, “via Morosini” sarà quindi interdetta al traffico.

Il progetto ha il titolo di “Recupero e valorizzazione di porzioni della parete ovest del campo sportivo “f.lli Ballarin” risalente all’impianto del periodo littorio” ed è stato redatto dall’architetto Alessandra Rolando sotto la supervisione della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio delle Marche.

L’intervento costerà complessivamente 200 mila euro, di cui 142mila circa di lavori affidati alla ditta Edilmorgan srl di Spinetoli, il resto come somme a disposizione e da contratto dovrà essere ultimato entro 120 giorni dalla consegna del cantiere.

L’intervento si inserisce in un quadro più ampio di recupero alla pubblica fruizione dell’area dello stadio Ballarin e che ha visto già l’abbattimento delle parti non vincolate della tribuna ovest, la sistemazione della viabilità con la creazione di una pista ciclabile sul lato est e di un parcheggio in adiacenza alla curva nord, ed è volto a preservare quanto resta della recinzione ovest di quello che si chiamava campo sportivo del “Littorio”. Come spiega la Soprintendenza, il manufatto, risalente agli anni 1929/1930, realizzato in mattoni pieni e scandito da pilastrini e cornice orizzontale, è testimone dell’architettura degli anni ‘30 del secolo scorso.

Particolare attenzione sarà dedicata all’illuminazione che metterà in evidenzia le murature intonacate, ed è prevista la realizzazione di un tratto di marciapiede lungo il muro restaurato, ma non è compresa in questa prima tranche di lavori. Il progetto suggerisce inoltre la possibilità di rafforzare il potere rievocativo dell’opera degli antichi fasti dello stadio con la raffigurazione, sulle superfici delle murature intonacate, di immagini della storia del calcio al Ballarin.