Home Economia Confcommercio picena “Preoccupazione per l’ordinanza della Regione Marche, primi effetti negativi sull’economia”

Confcommercio picena “Preoccupazione per l’ordinanza della Regione Marche, primi effetti negativi sull’economia”

244
0

La Confcommercio picena esprime disappunto per una scelta che considera drastica. Secondo il parere del presidente provinciale Fausto Calabresi l’ordinanza avrebbe dovuto essere limitata soltanto al territorio pesarese.

“La recente ordinanza n.1 – spiegano attraverso un comunicato – che la regione Marche ha emanato dal Coronavirus sta già causando i primi effetti negativi sull’economia del territorio.

Fioccano, infatti, le prime disdette nelle prenotazioni turistiche ricettive e nelle attività di ristorazione. Proprio in un momento in cui si sta avviando la stagione turistica con i primi contatti esplorativi, l’ordinanza regionale getta le Marche nel “lazzaretto degli appestati”, causando un danno di immagine che sarà ben difficile recuperare a breve.

Per questo motivo la Confcommercio Picena esprime preoccupazione per l’ordinanza regionale e ne chiede la limitazione a territori ed ambiti ben specifici, ove sono effettivamente presenti o concretamente ipotizzabili rischi per la salute.”

Intanto la vicepresidente regionale Anna Casini, ribadisce le motivazioni che hanno portato a prendere questa decisione, attraverso la sua pagina social. “Ci sono tre persone che risultano positive. Per questo, lunedì ci siamo allertati e, dopo l’immotivato stop del governo, il Presidente ha ritenuto indispensabile emanare l’ordinanza di ieri.

Avevamo chiesto di essere inseriti nel decreto che individua le Regioni con contagi ma il governo non l’ha fatto malgrado la proposta del presidente Bonaccini. Temevamo che il caso di Cattolica aprisse scenari nella provincia di Pesaro, cosa che purtroppo si è dimostrata vera.

Oltre a lui, sono risultati positivi due anziani signori sempre nella provincia di Pesaro di cui stiamo cercando di ricostruire la storia e a cui faccio i miei personali auguri di guarigione – conclude Anna Casini – Sono vicina a loro, alle loro famiglie e a tutti gli operatori sanitari che stanno svolgendo un lavoro impeccabile ed encomiabile.”