Home Cronaca Ascoli, Il Gruppo Gabrielli dona 30 posti letto per l’unità di rianimazione...

Ascoli, Il Gruppo Gabrielli dona 30 posti letto per l’unità di rianimazione dell’Ospedale di Ascoli e Torrette

10281
0
Barbara Gabrielli, Vice presidente del Gruppo

La famiglia Gabrielli, da sempre accanto al territorio, ha voluto rispondere in maniera pronta alla richiesta urgente manifestata dai presidi ospedalieri Mazzoni di Ascoli e Torrette di Ancona. Sono stati donati 30 posti letto complessivi destinati al reparto di Terapia Intensiva degli sopracitati. Giancarlo e Luciano Gabrielli hanno voluto , in rappresentanza di tutta la famiglia , dare così una risposta pronta e immediata che si è concretizzata  come richiesto dalle unità operative coinvolte.

Da sempre in ascolto del territorio e accanto ai bisogni, mai così impellenti, il Gruppo Gabrielli ha risposto subito e in maniera operativa mettendosi al servizio della comunità con grande spirito di collaborazione e responsabilità. “Coordinati con la Direzione Generale Ospedaliera di Ancona , coadiuvata  dallo staff degli ingegneri clinici e il fornitore (italiano) Gardhen Bilance Srl, – ha dichiarato la Dr.ssa Barbara Gabrielli vicepresoidente del Gruppo – abbiamo consegnato simbolicamente  30  posti letto complessivi secondo le caratteristiche richieste e necessarie alle unità operative di rianimazione che ci auguriamo aiuteranno a fronteggiare l’emergenza”.

La  famiglia Gabrielli, ancora una volta,  si è voluta rendere interprete delle istanze che giungono dal territorio in questo delicato momento. “La nostra è un’azienda ascolana e in questo territorio viviamo. Siamo consapevoli delle difficoltà che tutti noi incontriamo nell’affrontare la difficile fase emergenziale che siamo costretti a vivere – ha aggiunto la dott.ssa Barbara Gabrielli – e come azienda ci impegniamo a garantire la fornitura di alimenti e di prodotti in tutti i nostri punti vendita e a tal proposito vorrei rivolgere un grande grazie di cuore a tutti i nostri collaboratori impegnati nei supermercati e nei nostri centri logistici. Ovviamente il ringraziamento lo estendo a tutti gli operatori sanitari e unendomi al coro voglio dire anch’io a nome anche della mia famiglia #andrà tutto bene e tutti insieme ce la faremo”.