Home Cronaca E’ stato dimesso il paziente “uno” di Ancona: è un giornalista. “Grazie...

E’ stato dimesso il paziente “uno” di Ancona: è un giornalista. “Grazie angeli della corsia”

197
0
ANCONA, 27 MAR - Paolini Giapaoli, paziente uno Ancona, dimesso dopo coronavirus,

ANCONA, Paolino Giampaoli, 45 anni, giornalista sportivo con l’Ancona nel cuore, racconta in un lungo post su Facebook la fine di un incubo e la vittoria più bella: battere il coronavirus grazie agli “angeli della corsia”, medici, infermieri, Oss, vicini per assisterlo e confortarlo, operatori di Croce Gialla e Croce Rossa e amici.

L’avvio dell’incubo inizia il 28 febbraio, con le difficoltà respiratorie, la febbre, poi la conferma di essere positivo al coronavirus, il primo ad Ancona; dopo 22 giorni di ricovero in vari reparti degli ospedali di Torrette di Ancona e Chiaravalle, finalmente il ritorno a casa.

“Grazie a Dio, ai medici e al personale sanitario, – scrive Giampaoli – anche stavolta sono qui a raccontarla”.
Con il secondo tampone negativo Paolino ha chiuso con il virus, che, però, nel frattempo ha ucciso la zia 79enne:

“Finalmente sono a casa con mio zio a stringere i denti e andare avanti in questo mondo difficile, che mi ha tolto anche zia. Ora devo pensare a lui e riprendere dopo 22 giorni di ricovero la mia normalità quotidiana”.