Home Cronaca VALERIO PIGNOTTI: Interrogazione su Autostrada A14 – Stato avanzamento lavori

VALERIO PIGNOTTI: Interrogazione su Autostrada A14 – Stato avanzamento lavori

261
0

SAN BENEDETTO, Il consigliere comunale di Forza Italia, Valerio Pignotti ha protocollato una interrogazione per conoscere lo stato d’avanzamento dei lavori sull’Autostrada A14.

Un’immagine delle code chilometriche sull’autostrada A14 nel weekend prima di Natale a causa dei restringimenti di carreggiata conseguenti al sequestro
dei viadotti. ANSA

“Credo che in questo momento programmare il futuro per non farsi trovare impreparati sia fondamentale. Il mondo produttivo ha già subito ingenti danni economici dalla chiusura forzata, è necessario che con la ripartenza tutti i fattori del sistema, a partire da quello infrastrutturale, non presentino limitazioni.
Ho interrogato la Giunta per sapere se sono stati intrapresi contatti ufficiali con il concessionario “Autostrade per l’Italia”, – afferma Pignotti – al fine di sapere se il cronoprogramma dei lavori di adeguamento e messa in
sicurezza delle gallerie del tratto autostradale Piceno sarà rispettato, ed in alternativa, qualora ci fossero dei ritardi, se è in programma l’attuazione di un coordinato piano risolutivo che vada a tutelare al massimo il sistema economico nostrano.
Forza Italia è da sempre dalla parte del mondo economico e produttivo. Vanno limitati al massimo gli eventuali disagi in quanto sarebbero l’ennesima penalizzazione per la classe imprenditoriale che investe e crede, nonostante tutto, nel nostro territorio”.

Nel documento protocollato, Valerio Pignotti ripercorre quanto avvenuto sull’Autostrada A14, partendo dalla data del 23 agosto 2018, quando la galleria “Castello” Sud di Grottammare è stata gravemente compromessa dall’incendio di un tir che aveva causato ingenti danni strutturali all’infrastruttura.

“Nell’anno 2019 il alcuni tratti dell’A14 situati tra le Provincie di Fermo, Ascoli Piceno e Teramo sono stati oggetto di sequestro, da parte della Procura di Avellino, per l’inagibilità delle barriere laterali obbligando il concessionario al restringendo della carreggiata ad una corsia – ricorda nel documento Pignotti -che il concessionario “Autostrade per l’Italia” aveva annunciato ufficialmente che i lavori obbligatori necessari per la messa in sicurezza delle otto gallerie presenti sul tratto marchigiano compreso tra Pedaso e San Benedetto del Tronto sarebbero terminati entro il primo primo trimestre 2020”.

Nel documento si continua: “Considerato che tale infrastruttura è fondamentale per i Comuni della Riviera Picena, ed in particolare per il Comune di San Benedetto del Tronto in quanto, la città, soffre da anni il problema quotidiano causato da una carente e vetusta infrastruttura stradale; che giornalmente, prima dell’emanazione delle disposizioni governative per contenere la diffusione del Virus Covid-19, il traffico veicolare autostradale si riversava sulla Strada Statale 16, in quanto i ripetuti restringimenti di carreggiata per l’effettuazione dei lavori paralizzavano il traffico autostradale creando lunghe code e tempi di percorrenza tra Pedaso, San Benedetto e il tratto abruzzese fino a Giulianova molto lunghi;

Ritenuto

che l’attuale momento di grave crisi economica e sociale ha recato ingenti danni al mondo produttivo ed in particolare al comparto turistico;

Ritenuto altresì

che al termine delle disposizioni governative, ovvero con l’avvio della cosiddetta fase 2 di riapertura e di ripartenza, il territorio non può permettersi ulteriori chiusure e limitazioni della viabilità autostradale;

Tutto ciò premesso, considerato e ritenuto, il sottoscritto Consigliere Comunale,
INTERROGA
Il Sindaco e l’Assessore delegato per sapere:

1. Se sono intercorse comunicazioni tra il concessionario “Autostrade per l’Italia” e l’Amministrazione Comunale;

Se sì:
• quali sono state le disposizioni ricevute;

• sarà rispettato il crono-programma annunciato dal concessionario che prevedeva che i lavori di adeguamento e messa in sicurezza del tratto autostradale si sarebbero conclusi entro il primo trimestre 2020;

se no:

• si ritiene opportuno convocare con urgenza un incontro tra il concessionario “Autostrade per l’Italia” e le Amministrazioni Comunali costiere marchigiane ed abruzzesi al fine di conoscere il crono-programma dei lavori e gli eventuali nuovi termini;

2. Se si ritiene, infine, qualora le lavorazioni sulla piattaforma autostradale dovessero perpetrarsi nel periodo dell’imminente stagione estiva di dover concordare una sospensione dei lavori al fine di garantire la completa percorribilità dell’infrastruttura stradale”.