Home Cronaca MONTEPRANDONE: Dal 4 maggio parchi e pista ciclabile aperti. Nell’ordinanza sindacale...

MONTEPRANDONE: Dal 4 maggio parchi e pista ciclabile aperti. Nell’ordinanza sindacale si dispone la riapertura anche del Civico Cimitero

357
0

MONTEPRANDONE – Il sindaco Sergio Loggi ha firmato un’ordinanza in cui dispone l’accesso alle aree verdi e la riapertura dei parchi cittadini, della pista ciclabile lungo il fiume Tronto e del Civico Cimitero, a partire da lunedì 4 maggio, a seguito del DPCM 26 aprile.

Per quanto riguarda i parchi saranno riaperti il parco della Conoscenza in via dei Tigli, quello di via Saba e il parco di via Amendola, vicino la Stazione Ferroviaria, a Centobuchi.

L’accesso ai parchi e alle aree verdi sarà consentito dalle ore 9 alle ore 19, con l’obbligo di indossare la mascherina, mantenere la distanza interpersonale di un metro, tranne nei casi di accompagnamento di minori e persone non completamente autosufficienti, nonché di evitare ogni forma di assembramento.
Non potranno, però, essere utilizzate le aree gioco per bambini (come disposto dal DPCM 26 aprile 2020).

Resterà invece chiuso parco “Il Boschetto”, a Monteprandone in quanto dalla prossima settimana partiranno i lavori di riqualificazione dell’area, che comprende il vicino campo da calcetto e un tratto di via Leopardi.

Sarà possibile accedere anche al Civico Cimitero, purché muniti di mascherina e guanti, mantenendo la distanza interpersonale di un metro ed evitando ogni forma di assembramento.

Accesso libero anche alla pista ciclabile lungo il fiume Tronto, dove l’attività motoria e/o sportiva potrà essere svolta individualmente, oppure con accompagnatore, per i minori o per le persone non completamente autosufficienti. In questo caso è necessaria distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri, per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività dalle altre persone.

I trasgressori, salve le più gravi fattispecie penali, civili od amministrative connesse o concorrenti, saranno puniti ai sensi e per gli effetti dell’art. 650 del codice penale.