Home Economia Decreto legge Rilancio: bonus vacanze da 2,4 mld. Nella manovra stanziati 5...

Decreto legge Rilancio: bonus vacanze da 2,4 mld. Nella manovra stanziati 5 miliardi per cultura e turismo

372
0
Una veduta di La Pelosa. Con un occhio all'ambiente e uno alle casse dell'ente, il Consiglio comunale di Stintino ha dato il via libera a una serie di provvedimenti destinati a limitare l'assalto alla Pelosa, una delle spiagge più note e frequentate della Sardegna, oasi cui ambiscono ogni anno migliaia di vacanzieri, tanto da rendere necessarie alcune misure volte a proteggerla e a preservarla. ANSA/WIKIPEDIA +++EDITORIAL USE ONLY - NO SALES+++

L’estate è alle porte, con tutte le incognite e limitazioni dettate dall’emergenza per il corona virus, sulle vacanze, e per chi ha la fortuna di vivere nelle località turistiche, per la quotidianità nelle stesse.

Non può che far piacere, quindi, seppure, appunto, con il timore dettato proprio dall’epidemia, il decreto legge Rilancio, dedicato al turismo, in particolare modo quello sul bonus vacanze.

Il ministro Dario Franceschini parte dal provvedimento punta di diamante dedicato al turismo nel Dl Rilancio e cioè il bonus vacanze che vale 2,4 miliardi:
“La misura – spiega in una video conferenza – prevede un contributo fino a 500 euro per le spese sostenute per soggiorni in ambito nazionale in alberghi, campeggi, villaggi, bed and breakfast.

Possono chiedere il contributo le famiglie con un reddito Isee fino a 40 mila euro. L’importo è modulato in base alla numerosità del nucleo familiare: 500 euro per le famiglie composte da 3 o più soggetti, 300 per le famiglie di due persone e 150 per le famiglie di 1 persona. Il contributo potrà essere speso dal 1 luglio al 31 dicembre 2020. L’80% sarà uno sconto sul corrispettivo dovuto alla struttura, il restante 20% come detrazione dall’imposta sul reddito”.

“Sommando le misure per i due settori possiamo parlare di 5 miliardi di interventi, 4 per il turismo (uno dei settori più colpiti) e uno per la cultura e che finalmente dimostrano che c’è la consapevolezza dell’importanza strategica di questi due settori che sono nel ministero che guido che caratterizza il sistema Paese”.

“Corridoi privilegiati? In questi giorni è un fiorire di notizie infondate. Abbiamo posto ormai da più di un mese con iniziative singole dell’Italia, con diversi colloqui bilaterali che ho avuto con il commissario europeo al turismo e con vari ministri dei singoli stati, con documenti scritti per chiedere che ci siano regole uniformi a livello europeo per il passaggio delle frontiere dei turisti, ma non solo, proprio per evitare che ci siano accordi bilaterali tra i Paesi. Questo è l’impegno dell’Unione europea e quello che noi dobbiamo sostenere”.

Lo dice il ministro rispondendo a una domanda dell’ANSA sull’argomento. “E’ chiaro – aggiunge – che poi ci sarà il monitoraggio totale del dato epidemiologico nelle singole regioni e nei singoli Paesi ma mi pare che l’Unione vada in questa direzione e cioè di regole comuni e non di una malsana concorrenza tra i singoli Paesi”.