Home Cronaca Monteprandone: abbandonato lastre di vetro in aperta campagna. “L’inciviltà non è rimasta...

Monteprandone: abbandonato lastre di vetro in aperta campagna. “L’inciviltà non è rimasta in quarantena” dice il sindaco Loggi

72
0

MONTEPRANDONE – “A guardare queste foto una cosa è certa, l’inciviltà non è rimasta in quarantena!”: sono le parole di Sergio Loggi, sindaco di Monteprandone, dopo la scoperta avvenuta in aperta campagna, a Monteprandone.

“Questa mattina, attraverso Picenambiente, abbiamo dovuto smaltire molte lastre di vetro abbandonate in aperta campagna.

Speravo che le difficoltà che abbiamo vissuto durante il lockdown ci aiutassero a capire che sono i comportamenti individuali virtuosi, a fare una comunità migliore. Purtroppo pochi incivili ci stanno dimostrando che non la pensano così.

Molti sono i cittadini che si indignano di fronte e queste situazioni, chiedono maggior rispetto per l’ambiente e segnalano episodi di abbandono dei rifiuti agli uffici comunali.
E per questo li ringrazio.

A tutti dico che l’Amministrazione comunale crede fermamente che Monteprandone è un territorio a vocazione turistica le cui carte vincenti sono la natura e l’ambiente.

La sensibilizzazione su questi temi sarà continua e costante, come il controllo del rispetto delle norme in materia ambientale e le relative sanzioni per i furbetti.

Abbiamo la fortuna di avere sul territorio una ricicleria comunale, usiamola. E’ aperta il sabato mattina dalle 8 alle 12.30.
Grazie a tutti coloro che già lo fanno!”, aggiunge il primo cittadino, ringraziando nel contempo le persone che non disperdono a terra mascherine e guanti dopo l’utilizzo, ma li conferiscono nel secco indifferenziato.

“E’ il modo corretto di conferire e per tutelare la salute dell’ambiente e dell’intera comunità.
Stiamo lavorando e continueremo a farlo per un ambiente migliore con parchi riqualificati, per una urbanizzazione meno selvaggia, per una edilizia sostenibile, per una nuova riqualificazione del centro storico, per una mobilità alternativa, per una bioedilizia, per una riqualificazione urbana seria, per una riqualificazione di lottizzazioni incompiute. Questi sono fatti non parole. Ad oggi sul nostro territorio in quasi 11 mesi sono stati piantumati 39 nuovi alberi, tagliati 6 per motivi di sicurezza”.