Home Cronaca Ascoli, Nardini e Canzian propongono un Centro Sevizi unico per gli sportelli...

Ascoli, Nardini e Canzian propongono un Centro Sevizi unico per gli sportelli al pubblico del Comune

403
0
Il cardiologo Emidio Nardini candidato sindaco per la lista civica 'Ascolto & Partecipazione

I consiglieri comunali di Ascolto e Partecipazione, Emidio Nardini e Antonio Canzian hanno inviato un comunicato sulla prossima riapertura degli uffici comunali.

“La prossima riapertura degli uffici comunali per la fase 2 – hanno scritto i due consiglieri comunali –  interesserà gli sportelli con accesso al pubblico, dislocati nei vari palazzi comunali ed ubicati in diverse zone della città.

Il rispetto del distanziamento sociale, la rilevazione della temperatura corporea, le barriere per percorsi obbligatori, il controllo delle presenze, la dotazione di dispenser per gel disinfettante, le  barriere in plexiglass tra utenza ed operatori, la disinfezione giornaliera, ecc. dovranno essere  predisposte in ogni ufficio. Questo comporterà il dover attrezzare una decina di siti con costi circa  nove volte superiori ad uno solo.

“Ascolto & Partecipazione” propone sin d’ora al Sindaco di organizzare un “Centro Servizi
Comunali Unico” dove raggruppare tutti gli sportelli aperti al pubblico (anagrafe, URP, ufficio  tributi, commercio, edilizia, terremoto, servizi sociali, ecc.), che, oltre ad una razionalizzazione dei  costi, agevolerebbe i cittadini che in un unico punto troverebbero tutto.

In tal modo si eviterebbero stazionamenti in luoghi angusti ed a rischio di assembramenti.
Visto che i luoghi per le conferenze non possono essere usati e probabilmente verranno riutilizzati  a pandemia risolta, tutta la struttura dell’auditorium “Casa della Gioventù” di via Abruzzo c/o il Pennile di sotto – considerata la sua vicinanza al centro, l’accessibilità alle persone disabili,  l’ampio spazio interno, il vasto parcheggio antistante e un’area verde da poter attrezzate – potrebbe essere un’ottima soluzione per la realizzazione del “Centro Servizi Comunali Unico”.

Con pochi giorni di lavoro (senza chiamare Bertolaso) e con una spesa certamente inferiore a quella  necessaria per mettere a norma i singoli uffici dislocati in più punti della città (e privi di parcheggi),
si renderebbe un gran servigio a tutti i cittadini.

Tale proposta verrà formalizzata attraverso un ordine del giorno che sarà presentato al presidente del Consiglio Comunale.