Home Ascoli Calcio Ascoli Calcio, La società bianconera condannata al pagamento di oltre 40.000 euro

Ascoli Calcio, La società bianconera condannata al pagamento di oltre 40.000 euro

152
0

Il Collegio di Garanzia del Coni ha condannato la società bianconera al pagamento della somma di oltre 40 mila euro alla società TMP Soccer. La notizia è stata ufficializzata sul sito del Coni e si riferisce all’istanza presentata a marzo dalla TMP Soccer sul trasferimento all’Ascoli del difensore Raffaele Pucino.

Il 3 giugno si terrà una nuova udienza in forma telematica, relativa invece al trasferimento del centrocampista Simone Padoin.

Questo è il comunicato del Coni.

Il Collegio di Garanzia comunica che l’Organo Arbitrale relativo all’istanza TMP Soccer contro società Ascoli Calcio 1898 F.C. S.p.A., costituito dal Cons. Alfredo Storto, (Presidente), dall’avv. Stefano Bastianon (arbitro della parte istante) e dall’avv. Cristina Mazzamauro (arbitro della parte intimata), all’esito dell’udienza telematica tenutasi in data odierna, definitivamente pronunciando all’unanimità:

ha accolto l’istanza arbitrale e, per l’effetto, ha condannato la soccombente Ascoli Calcio 1898 S.p.A. al pagamento, in favore dell’istante TMP Soccer S.r.l., della somma di  35.000 euro più IVA, oltre interessi moratori dalle scadenze contrattuali;

ha condannato l’Ascoli Calcio 1898 F.C. S.p.A. a rifondere all’istante TMP Soccer S.r.l. i diritti amministrativi nella misura di 2.000 euro (di cui al punto 1.1.a della “Tabella dei diritti amministrativi, onorari e spese” approvata con deliberazione della Giunta Nazionale del CONI n. 4 del 27 gennaio 2020) e di 1.500 euro(di cui al punto 1.2.a della Tabella), nonché le spese di difesa, liquidate in complessivi 1.500 euro oltre accessori di legge;

ha stabilito, a carico della soccombente Ascoli Calcio 1898 F.C. S.p.A., il pagamento in favore del Collegio Arbitrale degli onorari all’uopo previsti (punto 2.b.2.1 della Tabella), liquidati in complessivi 3.500 euro, così ripartiti: al Presidente 1.400 euro e, a ciascun Arbitro, 1.050 euro oltre IVA e CPA, nella misura di legge per questi ultimi, da versare secondo le modalità che verranno comunicate dalla Segreteria del Collegio di Garanzia dello Sport.