Home Istruzione Ameli (PD):”Caso dei seggi nelle scuole, Fioravanti individui sedi alternative. La Regione...

Ameli (PD):”Caso dei seggi nelle scuole, Fioravanti individui sedi alternative. La Regione Marche offre incentivi”

293
0
Il consigliere comunale del PD, Francesco Ameli

Dopo l’invio della lettera al Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina da parte del sindaco di Ascoli Fioravanti nella quale chiedeva il posticipo dell’inizio dell’anno scolastico in vista delle votazioni per le elezioni regionali, replica il consigliere del Pd Francesco Ameli.

“L’amministrazione è impegnata a scrivere lettere e trovare una scusante per non fare, piuttosto che risolvere i problemi. L’ultimo è il caso dei seggi nelle scuole – scrive Ameli – la Regione Marche ha scelto di offrire incentivi alle amministrazioni comunali per trovare seggi alternativi alle scuole al fine di non interrompere l’anno scolastico che inizia una settimana prima. Verrà dato un contributo straordinario ai comuni al fine di lasciare aperte le sedi scolastiche.

Oltre ciò, il Comune nelle settimane scorse ha ottenuto dal Ministero della pubblica istruzione un finanziamento di 160mila euro per gli interventi di adeguamento ed adattamento funzionale post covid.

Dinanzi a tale opportunità la “montagna” dell’amministrazione comunale è riuscita a partorire “il topolino”: l’ennesima lettera a svariati personaggi politici buona per un titolo di giornale che non risolverà nessun problema.

O il sindaco vive su un altro mondo non ricevendo gli inviti del governo e della regione oppure è in campagna elettorale e pur di dare contro regione e governo è indifferente rispetto ai temi della sicurezza e delle famiglie che tornando a lavoro avrebbero sicuramente difficoltà per ulteriori settimane a casa da parte dei loro figli.

Fioravanti & Co. sono in difficoltà sulla sicurezza sismica e sul post covid e l’unica cosa che sanno fare è buttare la palla fuori campo.

Un consiglio: altri comuni (della stessa area “politica della maggioranza) hanno già risolto la problematica individuando sedi alternative, è l’occasione buona per farlo.”- conclude Francesco Ameli