Home Cronaca ALLA SPIAGGIA LIBERA DI MEZZAVALLE “SPACCIANO” PRENOTAZIONI: LA SEGNALAZIONE DI UNA LETTRICE...

ALLA SPIAGGIA LIBERA DI MEZZAVALLE “SPACCIANO” PRENOTAZIONI: LA SEGNALAZIONE DI UNA LETTRICE DI ASCOLI CITYRUMORS

327
0

“Salve, vorrei segnalare quanto sta accadendo con le prenotazioni dei posti nelle spiagge libere tramite l’app iBeach. Il 18 agosto abbiamo deciso di recarci alla spiaggia di Mezzavalle (spiaggia libera dal fascino selvaggio nella parte Nord di Ancona sovrastata dal maestoso scenario montuoso del Conero ndr), non sapendo che la prenotazione fosse obbligatoria anche nei giorni feriali. Ma non ci sono problemi: sul posto c’è chi vende le prenotazioni, che nel frattempo sull’app risultano impossibili, causa posti esauriti.
All’inizio della discesa è presente infatti un ragazzo con un cartellino di riconoscimento – non è chiaro di quale ente – e con un giacchino catarifrangente che dà l’idea di essere un addetto ufficiale al check-in dato che controlla che tutti abbiano la prenotazione; a chi ne è sprovvisto spiega che si può scendere comunque, ma a proprio rischio e pericolo perché in spiaggia ci sono i vigili per effettuare i controlli e sanzionare.
Oppure c’è un’altra possibilità. Molto gentilmente lui cede la sua prenotazione, quella fatta per l’intera giornata per sé e la fidanzata; in cambio chiede solo che venga offerta una birra, sia chiaro non a lui, bensì all’amico che lavora al bar della spiaggia e che gli ha gentilmente fatto la prenotazione al computer. In conclusione: a noi ha chiesto 5€ a testa (tot. 10€), al gruppo di 10 ragazzi prima di noi 2€ a testa, da lasciare a lui per il suo caro amico.
Il post lockdown ci ha regalato una nuova categoria di lavoratori: gli spacciatori di prenotazioni! Deplorevole per un territorio che si impegna tanto nella promozione turistica e che potrebbe competere con località nazionali ben più rinomate e strutturate, ma non con queste premesse. Spero possiate dare visibilità a queste situazioni incresciose”,è la denuncia della lettrice, che desidera rimanere anonima. Certamente grave, quanto quanto accaduto alla nostra lettrice: in ogni caso, essendo accaduto l’episodio in un giorno feriale, la prenotazione non è obbligatoria in quanto ““iBeach”, l’applicazione adottata dall’Amministrazione comunale di Ancona permette ai cittadini di prenotare solo per i giorni di sabato e domenica gratuitamente il proprio posto nelle spiagge libere di Portonovo e Mezzavalle per l’estate 2020 nella quale il distanziamento sociale è d’obbligo”, è quanto riportato sul sito del comune di Ancona.