Home Economia Erosione marina, presto i lavori a Grottammare nord. Nel corso dell’estate è...

Erosione marina, presto i lavori a Grottammare nord. Nel corso dell’estate è stata individuata l’impresa che eseguirà il rafforzamento di 200 metri di scogliere

165
0

GROTTAMMARE – La stagione estiva è in via di conclusione e gli uffici comunali di Grottammare sono pronti ad avviare la manutenzione straordinaria delle scogliere emerse, al confine con Cupra Marittima.
Nel mese di agosto, infatti, si è concluso l’iter dell’aggiudicazione dei lavori, che sono stati affidati alla Ditta I.C.M. s.r.l. di Altidona.

L’intervento riguarda il rafforzamento delle due barriere, di 94 e 108 metri di lunghezza, in zona Torbà (Grottammare nord), che negli ultimi anni hanno subito maggiormente i danni delle mareggiate. I lavori permetteranno di ripristinare le originali sezioni delle scogliere, affinché queste possano assolvere al meglio alla funzione di protezione dell’arenile, in conformità alle prescrizioni del vigente Piano Regionale di Gestione Integrata delle Aree Costiere.

Il progetto è stato predisposto dal tecnico interno, ingegner Marco Marcucci, che ha previsto che i materiali da mettere in opera saranno di natura calcarea con pezzatura diversificata a seconda della loro posizione all’interno delle sezioni di ricarica. I lavori avverranno via mare, tramite un pontone che potrà giovarsi, per le operazioni di carico, del pennello esistente a ridosso della foce del torrente Tesino, già utilizzato in passato per scopi analoghi. Il tempo di esecuzione è fissato in 30 giorni dalla data di consegna del cantiere. I lavori sono di 78.571,16 euro, ma grazie al ribasso del 7,30% offerto dall’impresa del fermano, il costo dell’intervento sarà di 67.256,55 euro (di cui 956,20 per oneri per la sicurezza + € 12.128,23 per Iva 22%).
La scelta dell’impresa è avvenuta valutando il miglior preventivo presentato dagli operatori economici che hanno manifestato l’interesse a partecipare alla procedura, a seguito della pubblicazione di avviso esplorativo. L’opera è finanziata con fondi regionali già assegnati al comune di Grottammare con decreto del Dirigente della P.F. “Difesa del Suolo e della Costa”.