Home Prima Pagina ASSEMBLEA DELL’AVIS PROVINCIALE DI ASCOLI AD ACQUASANTA TERME

ASSEMBLEA DELL’AVIS PROVINCIALE DI ASCOLI AD ACQUASANTA TERME

337
0

“Le 13 Avis Comunali costituiscono la vera forza di questa Associazione”, lo ha detto in apertura del suo intervento Dino Lauretani, presidente dell’Avis della Provincia di Ascoli Piceno, all’Hotel Monastero di Valledacqua di Acquasanta Terme, dove si è tenuta la 61a Assemblea dell’Avis Provinciale. L’assemblea si è svolta alla presenza del Dottor Cesare Milani, direttore generale dell’Area Vasta 5 e del Dottor Antonio Canzian, i quali, oltre a ringraziare l’Avis per l’ottimo lavoro che svolge, hanno assicurato la massima disponibilità per risolvere alcuni problemi organizzativi, al fine di assicurare ai donatori la massima efficienza e tempestività. Il Vice Sindaco, Luigi Capriotti, intervenuto in rappresentanza dell’Amministrazione comunale, ha ringraziato sia per avere scelto Acquasanta Terme quale sede per l’Assemblea, sia perché “riusciamo ad assicurare alla Sanità il sangue, fondamentale come l’acqua per la vita”, ha evidenziato.
Anche il Presidente dell’Avis Regionale, Massimo Lauri, ha voluto ringraziare “per quello che siamo e facciamo, essendo sempre un punto di riferimento importante per tutte le Marche e non solo”. Nel corso dell’assemblea sono state ringraziate le segretarie Alessandra Lazzarini, Ilenia Marinelli e Rosanna Macciolli per lo splendido lavoro che svolgono, in particolare in occasione del Coronavirus; è stato sottolineato l’ottimo lavoro fatto dal Consiglio Direttivo, dai Revisori dei Conti, dall’Organo di Vigilanza e dalla Commissione Verifica Poteri. Tutto questo è stato validato dall’approvazione della relazione, dei bilanci all’unanimità da parte dei delegati. “Di tutto rispetto i numeri che sono stati presentati: 14.783 donazioni con 8.275 donatori, che non bastano mai, perché la necessità di sangue è in continuo aumento. Da qui l’appello a donare il sangue in modo che ognuno di noi possa sempre trovarlo a disposizione negli ospedali”, dice il presidente Lauretani.