Home Cronaca Ascoli, Il consigliere regionale Antonini: “Proseguendo cosi dal 3 dicembre torniamo in...

Ascoli, Il consigliere regionale Antonini: “Proseguendo cosi dal 3 dicembre torniamo in Zona Gialla”

236
0

Il consigliere regionale della Lega, Andrea Maria Antonini ha annunciato alcune anticipazioni sul tema COVID-19.

“Partiamo dalla fine – ha scritto Antonini sui social – con una buona notizia: dobbiamo resistere fino al 3 dicembre.
Dopodichè si tornerá zona gialla.

La zona arancione ci è stata data (forse un po’ troppo frettolosamente dal Ministro Speranza ) perché il nostro Rt , ovvero l’indice di contagio, era leggerissimamente più alto del massimo (seppur Acquaroli abbia sempre affermato giustamente che erano dati superati , vecchi ).

Nel frattempo Acquaroli , se ricordate , stava per firmare un decreto con alcune restrizioni , che sarebbero servite proprio a evitare il rischio di passare in zona arancione .

La notizia è che ora il famigerato indice Rt delle Marche si è notevolmente abbassato , spingendoci di fatto nella confortevole zona gialla.

Le restrizioni del decreto regionale di ieri vanno proprio in questa direzione e nella direzione del primo decreto poi non emanato: ovvero creare un’area sicurezza ulteriore per poter arrivare serenamente al 3 dicembre ad aprire poi tutto tornando zona gialla e passare un Natale con amici e parenti , magari condito da una rinnovata effervescenza degli acquisti nei nostri negozi .

Posso dire con orgoglio che questa maggioranza regionale di centro destra guidata da Francesco Acquaroli ci ha visto lungo e bene.

Inoltre nel prossimo bilancio saranno previsti ben 7 milioni di euro per ristoro per le partire Iva colpite dalla crisi .

Chiudo con una notizia locale, sempre buona, perché vorrei portarvi solo buone notizie se possibile : la pressione sul sistema sanitario della nostra provincia è diminuita. Il Covid sta rallentando .

Però occhio, – ha concluso Antonini – saranno mesi di sali/ scendi : quindi per il bene della nostra salute, delle persone fragili a noi care e per il bene dell’economia , per non farci chiudere un’altra volta ancora, proteggiamoci , stiamo accorti e vigili “.