Home Cronaca “Servizi anche fuori dal comune di residenza” Anci Marche scrive al Prefetto

“Servizi anche fuori dal comune di residenza” Anci Marche scrive al Prefetto

480
0

Anci Marche scrive al Prefetto di Ancona dopo la decisione di non consentire i servizi alla persona, quali estetiste e parrucchiere, per chiederne il ripristino iniziale.

La Regione Marche aveva infatti approvato tale possibilità per permettere alle persone di raggiungere i centri estetici e i parrucchieri abituali, seppure fuori dal comune dove si dimora abitualmente.

La lettera della presidente Valeria Mancinelli, pubblicata dall’Ansa, annuncia la richiesta di annullare la decisione, che ha creato malcontento tra i cittadini marchigiani.

“Signor Prefetto, desidero segnalare che il congelamento da parte di codesta Prefettura del provvedimento regionale con il quale si consentiva di poter accedere ai ‘servizi alla persona’ nei Comuni limitrofi a quello di residenza o domicilio ha suscitato malcontento e proteste da parte di alcuni sindaci, soprattutto di quelli ai Comuni di minor dimensione demografica, nei quali molte volte questi servizi non sono presenti”.