Home Cronaca Ascoli Piceno e Provincia Ascoli, La soddisfazione del Sindaco Marco Fioravanti per il risultato dell’indagine sulla...

Ascoli, La soddisfazione del Sindaco Marco Fioravanti per il risultato dell’indagine sulla Qualità della Vita

265
0
Il Sindaco Marco Fioravanti
Anche il Sindaco Marco Fioravanti ha voluto esprimere la sua soddisfazione dopo la conferma arrivata dal quotidiano Il Sole 24 Ore che ha premiato la provincia di Ascoli Piceno nell’indagine sulla Qualità della Vita 2020!
“La nostra provincia è al 13° posto in Italia – ha dichiarato il primo cittadino – con importanti risultati soprattutto in due delle sei classifiche di settore: in “Giustizia e Sicurezza” e “Cultura e tempo libero” infatti, il territorio Piceno si posiziona al 4° posto assoluto nel Paese!
Un risultato prestigioso, reso possibile solo grazie al lavoro congiunto con tutti gli enti e le istituzioni della nostra provincia: questo non deve essere un punto di arrivo ma di partenza, per continuare a migliorare giorno dopo giorno tutti quegli indici che compongono la Qualità della Vita del nostro territorio.
Un premio per tutti i cittadini – ha proseguito il Sindaco – perché l’atteggiamento che si ha nei confronti del proprio territorio aiuta a ottenere risultati importanti. Un risultato che ci responsabilizza, perché dobbiamo essere da traino per tutta la regione.
Ascoli è la prima provincia delle Marche e questo dato deve portarci a un atteggiamento di apertura, per allargare orizzonti e confini e coinvolgere tutti nel processo glocal: testa sul territorio e competitività a livello mondiale. Investiremo molto sulla promozione digitale, che comunque deve guardare all’intero territorio regionale. La qualità della vita è il centro di tutto: nei prossimi mesi le persone faranno attenzione a questi aspetti, sia come turisti sia come potenziali residenti.
Fare sistema quindi è essenziale: dobbiamo raccontare l’ ‘esperienza marchigiana’, non solo ascolana o pesarese. Per troppo tempo siamo rimasti troppo isolati a livello infrastrutturale e abbiamo perso competitività. Per questo abbiamo stimolato l’università a investire qui, per dare alle aziende la disponibilità di giovani preparati. Credo sia necessario un collegamento tra il settore pubblico e l’impresa – ha concluso Fioravanti – per dare a quest’ultima un plus per essere competitivi e garantire occupazione”.