Home Cronaca Ascoli, Mozione del M5S e di Ascolto&Partecipazione sulla situazione della stazione sciistica...

Ascoli, Mozione del M5S e di Ascolto&Partecipazione sulla situazione della stazione sciistica di San Giacomo

179
0
La seggiovia 'Tre Caciare' di Monte Piselli

I Consiglieri Comunali Emidio Nardini, Antonio Canzian di Ascolto&Partecipazione, Massimo Tamburri ed Eleonora Camela del Movimento 5 Stelle hanno presentato una interrogazione sulla situazione della stazione sciistica di San Giacomo.

Premesso
– che ormai da anni la Montagna dei Fiori e in particolare la stazione sciistica di
Monte Piselli soffrono di un marcato degrado ed un progressivo abbandono
(lo stato degli impianti di risalita ne sono una testimonianza!);
– che sebbene il Co.Tu.Ge. attraverso il rinnovo dello Statuto, il ritorno di alcuni
soci precedentemente usciti ed il rinnovo (ancora tuttavia parziale) dei suoi
organi sembra faticosamente impegnato a riprendere un ruolo positivo,
appare altrettanto evidente però che a tre anni dall’insediamento dei nuovi
organi manchi ancora una strategia per il futuro di quel territorio (è tuttora
ignoto, ad esempio, quale sia il piano per la sostituzione della seggiovia Tre
Caciare che, come noto, sarà smantellata definitivamente a fine stagione 2023-
2024!);
– che tale carenza e mancanza di visione strategica sia, in parte, da imputare ad
una evidente gestione “a porte chiuse” del Co.Tu.Ge, dove programmi (se ve
ne sono!), scelte ed impiego di risorse vengono decisi senza alcuna fase
preliminare di coinvolgimento dei tanti gruppi, associazioni e realtà afferenti
alla Montagna;
– che l’ascolto e la partecipazione di tutta la variegata comunità che è portatrice
di interesse sulla montagna possa e debba rappresentare un valido strumento
per la costruzione di un futuro quanto più condiviso di quel patrimonio come
Bene comune della collettività;
– che il Sindaco di Ascoli è un importante socio del Co.Tu.Ge;
si impegna il Sindaco
– A proporre l’istituzione di un Organo Consultivo, dotato di relativo
regolamento, all’interno di tale Ente, rappresentativo delle realtà associative
afferenti alla montagna quale sede di ascolto, partecipazione e proposta ed in
grado di dare slancio, credibilità e forza all’azione del Co.Tu.Ge.