Home Prima Pagina Grottammare digitale, è attivo l’accesso con SPID. Un obbligo per le pubbliche...

Grottammare digitale, è attivo l’accesso con SPID. Un obbligo per le pubbliche amministrazioni assolto con largo anticipo rispetto alla scadenza di legge

305
0

GROTTAMMARE – Istanze e servizi richiedibili da qualunque luogo, 24 ore su 24, e soprattutto senza recarsi in municipio per l’autentificazione: da venerdì scorso il Comune di Grottammare è pienamente fruibile in modalità digitale con SPID.

Un risultato ottenuto grazie al lavoro del CED comunale e alla collaborazione con la PA Digitale Adriatica di Campobasso, che collabora tecnologicamente con il Comune dal 2015, e che pone Grottammare tra i primi comuni delle Marche ad entrare nella federazione SPID, con largo anticipo sulla scadenza prevista dal Decreto Semplificazione e innovazione digitale (DL 76/2020, convertito nella Legge 11 settembre 2020, n. 120).
Entro il 28 febbraio 2021, infatti, tutte le P.A. sono obbligate ad integrare la metodologia SPID nei propri sistemi informativi come unico sistema di identificazione per l’accesso ai servizi digitali, uniformando di fatto l’accesso ai servizi pubblici digitali in tutto il Paese.

Come noto, SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) è il sistema di autenticazione che permette a cittadini e imprese di accedere con un’identità digitale unica ai servizi online della Pubblica Amministrazione (tra cui l’app IO e il Cashback).
L’identità SPID è equiparata all’esibizione materiale di un documento d’identità ma è costituita da credenziali (nome utente e password) che vengono rilasciate all’utente e che permettono l’accesso a tutti i servizi online delle P.A. aderenti, da qualsiasi dispositivo digitale (computer, tablet e smartphone).

“Abbiamo capito in questi mesi quanto sia urgente per la società italiana e per le amministrazioni pubbliche progredire nell’uso dei servizi elettronici – dichiara il sindaco Enrico Piergallini -. Il salto tecnologico era indispensabile: per questo, Grottammare non ha voluto farsi trovare impreparata ad affrontare questa sfida. Ciò si abbina ad un più ampio progetto di rilettura delle porte digitali del nostro Comune, che vede nel nuovo sito web il punto cardine del cambiamento. Se tutto va nel verso giusto, entro la fine dell’anno presenteremo questo ulteriore tassello alla cittadinanza”.

In particolare, autenticandosi con SPID, sarà possibile, nell’area privata, accedere a:
– Portale ISTANZE ONLINE: ad oggi sono presenti oltre 50 tipi di istanze inoltrabili online relative a quasi tutti gli uffici comunali, che permettono ai cittadini, specialmente in questo periodo di emergenza sanitaria, di effettuare richieste ed ottenere risposte, autorizzazioni o altro per via telematica;
– Portale SUAP ONLINE: ad oggi sono presenti oltre 200 tipi di istanze riguardanti le attività produttive, commerciali, demaniali, ambientali ed edilizia commerciale;
– Portale SUE ONLINE: sono presenti le istanze riguardanti lo Sportello unico per l’edilizia, ovvero le richieste di Permesso di Costruire, le Scia, le Cila, le Cil, le Segnalazioni certificate di Agibilità, le Autorizzazioni paesaggistiche, i certificati di destinazione urbanistica e i certificati di idoneità degli alloggi;
– Sportello Demografico: permette la consultazione dei propri dati demografici e la stampa in automatico di autocertificazioni;
– Sportello Tributi: permette la consultazione della propria situazione di contribuente, delle posizioni aperte, degli importi dovuti, pagati e delle aliquote applicate per il calcolo delle somme dovute;
– Le tue comunicazioni: permette, attraverso il collegamento con il Servizio protocollo, di verificare la propria corrispondenza ricevuta o inviata al Comune.

Inoltre, nel portale dei Servizi Online sono disponibili, con accesso libero a tutti i cittadini:
– La consultazione ed il download di tutta la modulistica dei portali Istanze Online, Suap e Sue;
– La consultazione di tutti gli Atti Amministrativi pubblicati dal Comune;
– La consultazione dell’Albo Pretorio Online;
– L’accesso al portale “Trasparenza, valutazione e merito”.