Home Prima Pagina Ascoli Calcio, Via il terzino Sarzi Puttini: dal Bari arriva Tommaso D’Orazio

Ascoli Calcio, Via il terzino Sarzi Puttini: dal Bari arriva Tommaso D’Orazio

486
0
Il terzino Tommaso D'Orazio

L’Ascoli Calcio 1898 FC S.p.A. comunica di aver raggiunto l’accordo con la S.S.C. Bari per lo scambio di prestiti che vede Tommaso D’Orazio approdare in bianconero e Daniele Sarzi Puttini in biancorosso.

D’Orazio è abruzzese di Bucchianico, ma nato a Guardiagrele il 3 maggio 1990. E’ un terzino sinistro, che nelle precedenti esperienze con le maglie di Bari, Cosenza, Teramo, Pistoiese e Ancona ha collezionato oltre 200 presenze nei campionati di B e C. Col Bari in questo primo scorcio di stagione è sceso in campo, fra Campionato e Coppa Italia, 16 volte, realizzando 1 gol e 5 assist. Fra i protagonisti della promozione in Serie B col Cosenza, esordisce in cadetteria il 26 agosto 2018 al Del Duca nel match terminato 1-1.

Il Club bianconero saluta Daniele Sarzi Puttini e contestualmente dà il benvenuto a Tommaso D’Orazio, che vestirà la maglia n. 3. Dopo aver sottoscritto il contratto che lo lega al Club di Corso Vittorio Emanuele fino al termine della stagione ha dichiarato:

“La piazza di Ascoli mi ha sempre affascinato, ho giocato qui più volte da avversario e non posso dimenticare che proprio al Del Duca ho esordito in Serie B con la maglia del Cosenza, lo stadio era pieno di gente ed è stata una grandissima emozione. I miei compagni del Bari Andreoni e Antenucci mi hanno parlato molto di Ascoli, Cristian mi ha dato qualche dritta logistica, invece Mirco mi ha parlato della storia bianconera e dei suoi trascorsi qui. Piazze come questa mi piacciono molto, danno una spinta in più, peccato che per il momento ancora non sia possibile riaprire le porte degli stadi. Sono un terzino sinistro, anche se negli anni ho fatto il terzo di una difesa a tre o il quinto; a Bari sono stato anche quarto di centrocampo.

Conosco Pierini, che ho sentito telefonicamente prima di venire, ho condiviso con lui l’esperienza di Cosenza, dove ho vissuto la cavalcata storica della promozione in B, una stagione incredibile, siamo passati da spacciati a vincere i playoff, a testimonianza che nel calcio nulla è scontato. Mi attende una prova difficile e affascinante, quella di salvarmi insieme all’Ascoli, non sono di molte parole, preferisco lavorare. In Serie B tutti se la possono giocare con tutti, noto che quest’anno ci sono più squadre che possono ambire al salto di categoria rispetto alla stagione scorsa. In estate c’era stato un interessamento dell’Ascoli nei miei confronti, ma poi non se ne fece più nulla e ora sono qui, il campionato è ancora lungo, dobbiamo pensare a lavorare e ad uscire prima possibile da questa situazione”.