Home Cronaca Ascoli Piceno e Provincia San Benedetto, Interessante convegno su ‘Città Green e Lavoro Digitale: le nuove...

San Benedetto, Interessante convegno su ‘Città Green e Lavoro Digitale: le nuove frontiere dell’Economia Circolare’

328
0

Giovedì 4 febbraio alle ore 1730 la cittadinanza è invitata a partecipare su Zoom

La sostenibilità assume sempre di più i connotati di una imprescindibile sfida per il futuro. Le città europee diventano l’esempio di nuovi concept abitativi e sociali, in cui l’economia circolare detta nuovi standard di rispetto e tutela dell’ambiente attraverso il ricorso alle tecnologie digitali.

Anche San Benedetto del Tronto guarda lontano verso un orizzonte di sviluppo sostenibile a misura di uomo che faccia del rispetto dell’ambiente un plusvalore inalienabile. È dall’esigenza di creare dei presupposti di crescita che coniughino il benessere dei cittadini alla salvaguardia dell’ambiente ricorrendo alle potenzialità del digitale, che nasce l’incontro “Città Green, Economia Circolare, Lavoro Digitale” in programma per giovedi 4 febbraio alle 17:30 su Zoom (ID 865 6611 8795).

All’evento organizzato dalle Associazioni Buonvento, Smartpiceno, Lavoro&Welfare, Arci e Social FabLab, parteciperanno Paolo Canducci, insieme ad un gruppo di insigni relatori. Tra essi Pierfrancesco Maran (Assessore al Comune di Milano); Cesare Damiano (Presidente Lavoro e Welfare); Angelo Bonelli (Coordinatore nazionale dei Verdi); Gianluca Carrabs (Amministratore Svim); Massimiliano Bianchini (Presidente Regionale ARCI); Mario Catini (Presidente Social FabLab); Elena Burnaccini (Dott. in Scienze Agrarie); Andrea Mornato (Direttore Invesco); Lorenzo Barucca (Responsabile nazionale economia civile di Legambiente); Nazareno Franchellucci (Sindaco di Porto Sant’Elpidio e Presidente ALI Marche). Coordina Pietro Colonnella, Presidente Smart Piceno.

Al centro della riflessione l’evoluzione della Smart city quale città intelligente e dinamica capace di salvaguardare il benessere dei cittadini e dell’ambiente che li circonda e li ospita, sulla scia dei nuovi valori espressi chiaramente dall’Unione Europea nel Next Generation UE, meglio conosciuto come Recovery Fund. Il meeting si propone di fare il punto sulle esperienze a confronto e individuare strategie innovative per un futuro che non può più attendere.