Home Cronaca Ascoli Piceno e Provincia Ascoli, Domani in Piazza Arringo la protesta degli operatori del comparto matrimoni,...

Ascoli, Domani in Piazza Arringo la protesta degli operatori del comparto matrimoni, Alessandra Bruni: “Ci hanno dimenticato”

937
0
La referente per la Regione Marche, Alessandra Bruni

Gli operatori del comparto dei matrimoni saranno domani in piazza dalle 10 alle 12.30: una manifestazione che animerà numerose città italiane e che per le Marche si svolgerà ad Ascoli, con la referente per la Regione Marche, Alessandra Bruni, titolare dell’omonimo atelier a San Benedetto, che ha organizzato questo momento di sensibilizzazione.

Sarà piazza Arringo la sede di questa manifestazione promossa da ‘Insieme per il wedding’, l’iniziativa social nata a sostegno di tutti gli operatori del settori che si trovano in crisi a causa dell’emergenza generata dalla pandemia.

“Come referente per la Regione Marche – ha dichiarato Alessandra Bruni – vi comunico che tutti gli imprenditori del settore wedding si sono uniti per manifestare in tante piazze e in tante regioni d’Italia. Ringrazio a nome di tutti Marco Fioravanti Sindaco di Ascoli Piceno per la disponibilità.
Purtroppo sappiamo che molti imprenditori non riusciranno ad essere presenti fisicamente per problematiche di spostamento ma ci saranno comunque vicini e ci supporteranno nel raggiungimento del nostro obiettivo.
Dobbiamo far ripartire i matrimoni e le cerimonie in sicurezza. È un settore molto importante fermo da un anno che coinvolge tantissime aziende. Ricordo a tutti coloro che ne vorranno prendere parte il rispetto delle regole ovvero: indossare la mascherina e mantenere sempre il distanziamento di un metro. È severamente vietato creare assembramenti. Grazie a tutti per la vostra collaborazione. Uniti ce la faremo!”

Quella in programma domani mattina in Piazza Arringo sarà l’occasione per mettere insieme tutti gli imprenditori del comparto: un settore duramente colpito dal Covid e che coinvolge un’ampia gamma di attività. Secondo le stime, infatti, solo nel 2020 il calo è stato del 90% e anche per quest’anno non ci sono ancora prospettive chiare, visto l’andamento imprevedibile dell’emergenza epidemiologica.

In piazza ci saranno i titolari dei negozi di abbigliamento, di addobbi floreali, di studi fotografici, delle agenzie di viaggio, dei ristoranti e di tutte quelle imprese che lavorano per l’organizzazione di un matrimonio e che stanno vivendo un periodo di difficoltà. Gli imprenditori chiedono di poter ripartire con le cerimonie, ovviamente rispettando gli adeguati protocolli di sicurezza. La manifestazione di domani si svolgerà nel rispetto delle norme anti-Covid.