Home Eventi San Benedetto, flash mob “Le scarpe rosse le mettono anche gli uomini”

San Benedetto, flash mob “Le scarpe rosse le mettono anche gli uomini”

411
0

Domenica 7 marzo alle ore 10, nel piazzale davanti al Comune di San Benedetto del Tronto, in viale De Gasperi, si terrà il flash mob “Le scarpe rosse le mettono anche gli uomini“.

“Si avvicina l’8 marzo e quest’anno, per la seconda volta, la Festa della Donna si celebra in piena pandemia” – scrive sui social Claudio Voltattorni, uno dei promotori dell’evento.

“I provvedimenti di lockdown hanno accentuato il malessere e l’insicurezza che serpeggiano nella società civile e questi sentimenti, nel chiuso delle abitazioni, hanno purtroppo provocato un incremento delle violenze ai danni delle donne. Si è anche registrato un forte aumento dei casi di femminicidio.
Consapevoli che la violenza sulle donne è un problema che riguarda gli uomini, vogliamo che gli uomini passino dall’essere attori principali della violenza ad essere alleati, consapevoli e responsabili, delle donne nella loro battaglia per il diritto alla vita. Proporre esempi e modelli differenti, che insegnino alle nuove generazioni di ragazzi come portare avanti questa causa. Perché la casa torni a essere un luogo sicuro e non una prigione, da cui tante desidererebbero solo poter scappare.” – spiega Voltattorni.

Spinti da queste motivazioni vogliamo raccogliere la provocazione della Gabanelli — “ne ammazzano una al giorno, uomini dove siete?” — invitando tutti gli uomini che condividono queste idee a manifestarle con un flashmob: “le scarpe rosse le mettono (anche) gli uomini”. Ci troviamo domenica 7 marzo 2021, alle ore 10.00, davanti al “muro delle bambole” presso la sede del municipio sambenedettese.”

I partecipanti sono invitati a mettere scarpe e mascherine rosse (quest’ultime saranno messe a disposizione dei partecipanti), oppure un indumento rosso per segnalare l’adesione all’iniziativa e, chi vorrà, potrà portare una bambola per arricchire la collezione del muro municipale.” – conclude Claudio Voltattorni.