Home Cronaca Ascoli Piceno e Provincia Ascoli, Dopo 141 anni chiude la storica ‘Ferramenta Pespani’

Ascoli, Dopo 141 anni chiude la storica ‘Ferramenta Pespani’

587
0
Lucio Mariani, Sor Alvaro e Maria Teresa Pespani

Un altro pezzo della storia di Ascoli se ne va e lo fa lasciando un mare di ricordi. La Ferramenta Pespani nata nel 1880 chiude i battenti dopo 141 anni di servizio alla città, primo vero punto di riferimento del ‘Fai da te’ e del bricolage.

L’annuncio è stato dato sui social dall’ultima delle quattro figlie di Sor Alvaro Pespani, Maria Teresa che assieme al marito Lucio Mariani ha gestito l’Emporio in questi anni dopo la morte dell’indimenticato papà, tra l’altro Console del Sestiere di Sant’Emidio.

“Allora eccoci qui a salutarvi dopo 141 anni insieme – ha scritto Maria Teresa – nel cuore della città, al servizio della città, con onestà, competenza, dedizione.
Abbiamo lavorato con tutte le istituzioni, il comune, la provincia, la regione, le imprese, le industrie, le scuole, le associazioni, i teatri, gli artigiani, gli studenti di architettura, gli hobbisti, le casalinghe disperate, i pignoli restauratori, gli artisti, i pittori, gli scultori, i collezionisti…
Si sono succeduti lungo tre secoli, Guerrino Pespani, Aroldo Pespani, Alvaro Pespani e io Maria Teresa Pespani con mio marito Lucio Mariani.
Dietro al lungo bancone di legno, con il sorriso, la gentilezza, la competenza, l’ironia e tanta, tanta, tanta pazienza!
Abbiamo visto nel tempo cambiare le abitudini, abbiamo deciso di restare in centro cercando di mantenere l’originalità e la qualità dell’assortimento e della minuteria. Prodotti di nicchia legati al tessuto storico cittadino, seguendo lo stile e il buon gusto di mio padre Alvaro, amante dell’arte e dell’antiquariato.
Da diversi anni la nostra ferramenta ha svolto più un servizio sociale che commerciale, un ritrovo tra amici, per ridere, scherzare, calcio, verneccchie…
Il non essere più tutto questo sarà dura per alcuni, ma anche per noi.
Abbiamo cercato di resistere alla crisi economica, al terremoto, allo svuotamento del centro, al covid. Abbiamo progettato un diverso utilizzo di questo spazio bello di via Niccolò IV, ma abbiamo ricevuto tante belle parole senza che fossero seguite dalla concretezza. La nostra città ha molte potenzialità, ma poco coraggio nelle mani di chi ha la possibilità di realizzarle.
L’ingresso della Ferramenta Pespani in via Niccolò IV

Abbiamo vissuto momenti durissimi, ceduto allo sconforto, ma abbiamo avuto anche degli angeli che ci hanno aiutato e ai quali saremo eternamente grati. Abbiamo fatto i conti con la quotidianità, con la realtà, con il buon senso e preso questa decisione irrimandabile.

Con struggente nostalgia ed emozione, vogliamo dire grazie a tutte e tutti i nostri affezionati clienti che ci hanno dato tante soddisfazioni e forza.
Grazie a tutti i nostri amici sempre pronti a darci una mano.
Grazie a tutta la nostra grande famiglia che è sempre stata al nostro fianco a sostenerci.
Grazie ai nostri tre figli meravigliosi – ha concluso la Pespani – che ci hanno dato l’energia e la speranza nel futuro e nel cambiamento.
Grazie a tutta la città, della cui storia siamo stati una piccola parte.
GRAZIE con tutto il nostro cuore”