Home Cronaca Ascoli, Anche il Collegio dei Geometri e G. L. aderisce al Manifesto...

Ascoli, Anche il Collegio dei Geometri e G. L. aderisce al Manifesto per la Ferrovia Salaria ‘Dei Due Mari’

249
0
Il Presidente del Collegio dei Geometri di Ascoli, Leo Crocetti

Il presidente Crocetti: «Mettiamo a disposizione della comunità la nostra professionalità affinché questa importante opera si realizzi»

Il Collegio dei Geometri e G. L. di Ascoli scende in campo appoggiando la realizzazione della Ferrovia Salaria che consentirà di collegare i territori del Centro Italia. «Siamo contenti di aderire al Manifesto per la Ferrovia Salaria – spiega Leo Crocetti presidente del Collegio Geometri e G.L. Di Ascoli – perché riteniamo che sia un intervento molto importante da portare avanti, per questo vogliamo dare il nostro contributo. Mettiamo a disposizione la nostra professionalità affinchè quest’opera si realizzi e che funge da volano per il rilancio economico di borghi e località, presenti lungo l’Appennino, e che stanno ancora pagando le conseguenze degli eventi sismici».

Il Collegio Geometri e G.L provinciale si aggiunge dunque alla lista degli aderenti al Manifesto per la Ferrovia Salaria, o Ferrovia dei Due Mari. L’opera che più di ogni altra può legare fra loro i territori del Centro Italia, riconnettendoli alla capitale e al suo polo internazionale: dal Tirreno all’Adriatico, attraverso la straordinaria bellezza dell’Appennino, città d’arte e borghi storici ricchi di storia e cultura, le eccellenze delle nostre terre, le bellezze naturali di due parchi nazionali .

 

«Si tratta di un’opera essenziale per riscattare una fetta importante del nostro territorio – conclude il presidente Crocetti – caratterizzata da un isolamento in cui ha inciso anche il sisma, portando tanti cittadini a lasciare i loro luoghi di origine. Questo collegamento, che si potrà realizzare con una linea ferroviaria che collega i due mari, permetterà a luoghi, oggi poco popolati, ma ricchi di storia, arte, cultura ed eccellenze enogastronomiche, di diventare maggiormente accessibili e dunque più attrattivi. E tutto questo si ripercuoterà positivamente anche sull’economia locale».