Home Cronaca Ascoli Piceno e Provincia Ascoli, Finalmente inaugurato il murales dedicato al barman Enzo Accorsi: è una...

Ascoli, Finalmente inaugurato il murales dedicato al barman Enzo Accorsi: è una vera opera d’arte quella realizzata da Valerio Carluccio

912
0

E’ stato finalmente inaugurato il bellissimo murales che l’artista ascolano Valerio Carluccio ha voluto dedicare all’indimenticato barman Enzo Accorsi del Lorenz Cafè in Largo delle Margherite a Monticelli Alto.

Alla presenza della moglie di Enzo, di diversi familiari, dell’assessore Monia Vallesi e di Primo Valenti del Lorenz Cafè. è stato tolto il telo azzurro che aveva coperto l’opera ed è scattato un lungo applauso.

Il ritratto di Enzo è davvero bello ed emozionante, si vede che è stato realizzato con il cuore, in onore di uno dei grandi personaggi ascolani morto per un arresto cardiaco nella sua abitazione e che manca davvero a tanti.

All’inaugurazione oltre ai tanti amici di Enzo, dell’artista Valerio Carluccio  hanno partecipato anche tanti bambini del quartiere che hanno voluto dare la loro mano ‘di pennello’ sul murales.

Una inaugurazione che era stata programmata per venerdì scorso, ma che era poi stata bloccata dalla polizia municipale in quanto non erano ancora stati regolarizzati tutti i permessi. Stavolta non ci sono stati inconvenienti e quando Valerio ha tolto il telo azzurro che copriva la sua opera è scattato un lungo ed emozionante applauso e il grido: ‘Gli artisti non muoiono mai’.

Di sicuro ogni volta che ci si troverà a passare da quelle parti, in quella traversa di via delle Begonie tra i grattacieli di Monticelli dove spicca questo capolavoro, questa vera opera d’arte realizzata su un brutto muro di cemento armato, tutti gli ascolani avranno un ‘tuffo al cuore’. Come ha commentato una delle ragazze presenti: «Dobbiamo ringraziare Valerio, un artista d’eccezione che ha impresso sul muro il ricordo di chi dentro di noi non morirà mai».

«Ringrazio tutti – ha commentato emozionato Valerio Carluccio – questo è un regalo della città ad Enzo. Un regalo che ho realizzato a mie spese, fatto con il cuore e con il desiderio di ricordare un grande amico e un grande ascolano. Ora mi trasferirò per qualche giorno a Bergamo per realizzare un disegno in onore di Davide Astori. Nella mia valigia metterò lo stretto necessario. Il resto che serve lo porto dentro».