Home Cronaca Ascoli Piceno e Provincia Ascoli, Sergio Fabiani non è più il Presidente della Provincia: “Una situazione...

Ascoli, Sergio Fabiani non è più il Presidente della Provincia: “Una situazione paradossale”. Incarico a Luigi Capriotti vice Sindaco di Acquasanta

526
0
Sergio Fabiani

Sergio Fabiani, non è più il Presidente della Provincia. Non essendo stato rieletto sindaco a Montegallo, avendo infatti terminato i suoi tre mandati consecutivi, decade dalla carica dopo tre anni di lavoro. Una decisione a sorpresa con conseguente cambio della guardia e con strascichi polemici, a Palazzo San Filippo.

Al posto di Fabiani, fino alle elezioni in programma il 18 dicembre, ci sarà Luigi Capriotti, riconfermato vicesindaco di Acquasanta. Quest’ultimo, infatti, tra tutti i candidati nelle singole liste del territorio all’ultima tornata elettorale, è il più votato, avendo ottenuto 434 preferenze.

A sceglierlo sarebbe stata la prefettura, con Capriotti che sarà una sorta di traghettatore. Il mandato di Fabiani, così, termina in maniera un po’ rocambolesca, cogliendo di sorpresa anche il diretto interessato.

 

“All’improvviso – ha scritto l’ormai ex Presidente della Provincia – da un giorno all’altro, scopri di non essere più il presidente della Provincia Ascoli Piceno. Una situazione paradossale che riguarda non solo il sottoscritto ma tanti colleghi di altre Province prossime alle elezioni, che hanno appreso quasi per caso di non poter più esercitare le proprie prerogative istituzionali. L’Impossibilità di continuare a svolgere le funzioni fino alla scadenza elettorale del 18 dicembre è stata stabilità attraverso il parere di un funzionario del Ministero dell’interno, secondo il quale i sindaci uscenti non rieletti nel loro Comune decadono dall’incarico di presidenti della Provincia.

 

Eppure un recente decreto legge, convertito in legge, sosteneva che le elezioni provinciali si dovessero svolgere entro 60 giorni dalle amministrative e che gli organi sarebbero stati prorogati per questo tempo. Una indicazione corroborata da una nota esplicativa diffusa dall’Unione Province Italiane (UPI), che faceva seguito ad una riunione della Conferenza Stato Città e Autonomie locali. Nel documento UPI venivano forniti chiarimenti, “concordati con il Ministero dell’Interno” su queste due questioni essenziali.

La prima riguardava la proroga di tutti gli organi in carica, presidenti e consiglieri, anche in caso di decadenza per cessazione di mandato da sindaco o consigliere comunale, fino allo svolgimento delle elezioni provinciali. In secondo luogo la nota indicava inoltre che la giornata di elezioni sarebbe stata uguale per tutte le provincie italiane: il 18 dicembre. Una nota valida fino a provvedimento contrario, poi superata da un parere interpretativo che sostiene che i sindaci non rieletti, decadono automaticamente il giorno delle elezioni.

 

Tutti gli organi istituzionali possono operare in regime di prorogatio dal Presidente della Repubblica, al Parlamento, al Governo . Ciò non sembra valere per i presidenti di Provincia.

 

Ritengo – ha proseguito Sergio Fabiani – che in questo brevissimo periodo di transizione sarebbe stato più proficuo e utile per la comunità proseguire nell’assicurare l’attività amministrativa evitando complicazioni istituzionali .

Da parte mia c’è stata sempre la volontà di servire al meglio i cittadini nel pieno rispetto della normativa vigente. E certo non pensavo di decadere dal mio incarico in modo così inaspettato con appena due mesi di anticipo dalla scadenza elettorale. Restano comunque garantiti il mio impegno e la collaborazione in questo delicato momento di passaggio istituzionale.

 

Nell’occasione, – ha concluso Fabiani – vorrei ringraziare sentitamente tutti i consiglieri provinciali con cui ho condiviso il mandato elettorale di 3 anni, la Prefettura, la Regione, le autorità ecclesiali, i responsabili delle Forze dell’ordine, delle Forze armate, dei Vigili del Fuoco, della Protezione Civile, i colleghi Sindaci, tutti i rappresentanti delle componenti sociali ed economiche del territorio, con cui ho avuto l’onore di collaborare e lavorare in sinergia per la comunità.

 

Vorrei esprimere la mia gratitudine e apprezzamento nei confronti dei segretari provinciali, i dirigenti e tutti i dipendenti dell’Ente che con abnegazione e professionalità hanno reso possibile la realizzazione di numerose progettualità, interventi e servizi per lo sviluppo del territorio.

 

Vorrei infine rivolgere il mio pensiero a tutti i cittadini della nostra provincia che con grande laboriosità e senso civico hanno affrontato momenti difficili come il percorso della ricostruzione post sisma e la pandemia”.