Home Prima Pagina Calcio Promozione, Il Castignano non riesce a superare il Potenza Picena: finisce...

Calcio Promozione, Il Castignano non riesce a superare il Potenza Picena: finisce in parità

275
0

0 – 0

CASTIGNANO: Moretti, R. Fioravanti, Angelini, Ferrari (66’ Galli), Luzi, Fortunati, Funari (66’ Corradetti), Chiappini, Papa Ndiour, Vannicola (56’ Ionni), Martoni. All: Gianluigi Rossetti

POTENZA PICENA: Faraci, Fini, Fiorito, Wahi, Greco, Dutto, Mancini, Vecchione, Abbrunzo, Storani (87’ Nardacchione), Perrella (74’ L. Baldoncini). All: Giuseppe Santoni

Arbitro: Francesco Buttafoco di San Benedetto del T.

Assistenti: Pizzuti di Macerata e Lorena Bejko di Jesi

CASTIGNANO

Finisce in parità lo scontro salvezza tra il Castignano ed il Potenza Picena ma non sono mancate le emozioni da ambo le parti. Mister Vittori, quest’oggi squalificato e sostituito dal vice Rossetti, schiera i suoi con un coperto 4-1-4-1 con Chiappini davanti alla difesa e Ferrari avanzato a centrocampo sull’out destro mentre Papa Ndiour è l’unico terminale offensivo; in panchina pronti a subentrare bomber Galli e l’ex di turno Ionni.

Il Potenza Picena di Mister Santoni si schiera invece con un 4-3-3 con il tridente Storani – Abbrunzo – Perrella mentre Greco è il playmaker davanti alla difesa. Inizio accorto dei locali che dopo la débâcle di Trodica badano a rischiare il meno possibile.

Nei primi minuti è il Potenza Picena a fare la partita con un ispirato Storani che già al 5’ impegna severamente Moretti che para il suo potente sinistro. Ancora Storani a creare pericoli al 17’ ed al 18’ ma la difesa di casa è attenta e respinge i suoi attacchi. Il primo affondo del Castignano è un tentativo dal limite di Chiappini al 24’ ma Faraci fa buona guardia. Al 26’ l’occasione più limpida del 1°t capita a Storani che dai venti metri direttamente da calcio piazzato fa partire un tiro che, deviato da Chiappini, si stampa sulla traversa a Moretti battuto, per il Castignano che dunque si salva.

Al 39’ è Abbrunzo a provare la via del gol ma ancora Moretti gli dice no. 1°t che dunque si chiude sullo 0-0. Nella seconda frazione entra subito l’ex Ionni per Vannicola a dar man forte al centrocampo biancorosso ma al 60’ altro brivido per il Castignano: Abbrunzo si libera del suo diretto marcatore Fortunati ed appena entrato in area incrocia sul secondo palo dove Moretti non può arrivare ma per fortuna del Castignano stavolta è il palo a dire di no al tentativo del n°9 ospite.

Secondo legno colpito dal Potenza Picena che dunque può recriminare contro la sorte avversa. Mister Rossetti si gioca la carta Galli con il passaggio al 4-4-2 ed al 78’ il Castignano costruisce la più nitida palla gol della gara: grande azione sulla fascia destra di Corradetti, subentrato da poco a Funari, che vince tre contrasti consecutivi servendo poi Galli sull’out destro, il bomber riceve e crossa sul secondo palo dove Martoni tutto solo rientra sul destro e calcia a botta sicura alzando però troppo il pallone che finisce sopra la traversa di Faraci ma che occasione sprecata dal Castignano!

Il Potenza Picena però è sempre insidioso e ci vuole la bravura di Moretti a respingere in successione all’80’ un sinistro potente di Fiorito e sulla ribattuta un tiro a botta sicura di Greco che trova la strada sbarrata sempre da un super Moretti. L’ultima occasione della gara all’83’ è sui piedi di Galli che si crea lo spazio per il tiro dai venti metri ma Faraci è attento e devia in angolo.

Non succederà più nulla e dopo 3’ il sig. Buttafoco decreta la fine delle ostilità con un pareggio tutto sommato giusto. Per il Castignano punto che fa morale e che permette di interrompere la serie nera di quattro sconfitte consecutive, importante anche aver mantenuto la porta inviolata dopo la goleada di sabato scorso.

Per il Potenza Picena buon pareggio contro una diretta concorrente ma alto è il rammarico per i due legni colpiti da Storani ed Abbrunzo. Prossima partita per il Castignano sabato 4 dicembre alle h 14:30 ancora in casa stavolta contro il Monticelli di Mister Settembri, quest’oggi vittorioso contro l’Aurora Treia.