Home Prima Pagina Pd Monticelli:“Sanità del Piceno in difficoltà”. Il 20 e 21 mobilitazione sindacale...

Pd Monticelli:“Sanità del Piceno in difficoltà”. Il 20 e 21 mobilitazione sindacale davanti agli ospedali

366
0

“Sono lontani i tempi in cui il nostro Sindaco, in quel periodo Presidente del Consiglio Comunale, Marco Fioravanti era solito protestare davanti all’ospedale Mazzoni al grido di “L’ospedale non si tocca”. Sono lontani anche i tempi in cui Guido Castelli pontificava in campagna elettorale sulla sanità picena, spiegando che sarebbe stato facile rimetterla in sesto se la destra avesse vinto le elezioni regionali.”

Queste le dichiarazioni del Circolo Pd di Monticelli.

“A distanza di tempo ci rendiamo conto che quelle erano solo chiacchiere, solo slogan elettorali che, una volta raggiunto il loro scopo, sono stati poi chiusi nei cassetti degli uffici.
Ad oggi la Sanità nel Piceno vive un profondo momento di difficoltà e le ricette e le idee che la destra aveva annunciato di portare o non si sono viste o hanno avuto effetto contrario. Le organizzazioni sindacali da mesi ormai lanciano appelli sulla disorganizzazione dei servizi che affliggono i nosocomi di Ascoli Piceno e di San Benedetto del Tronto.”

“La gestione della pandemia e il “gioco” dei numeri delle terapie intensive da parte dell’Assessore Regionale Saltmartini; centri vaccinali sottodotati e inadatti strutturalmente per il servizio che devono svolgere; il silenzio e lo scarso dialogo con chi deve rappresentare questa zona delle Marche in Regione e in Parlamento. Appelli rimasti inascoltati da chi si erigeva a paladino dei cittadini e della loro salute e per questo nelle giornate del 20 e del 21 dicembre le organizzazioni sindacali CGIL, CISL e UIL hanno organizzato una mobilitazione davanti ai nosocomi per far sentire la propria voce e le proprie idee.”

“Governare è un’altra cosa rispetto alla campagna elettorale, governare è diverso da rilasciare interviste o fare selfie. A chi ha promesso “un cambio di passo” diciamo che per ora il passo è stato quello del gambero. Siamo tornati indietro e le responsabilità sono chiare.”