Home Ascoli Calcio Ascoli-Cremonese, bambini di Arquata, Amatrice e Acquasanta partecipano alla partita.La Curva dell’Ascoli...

Ascoli-Cremonese, bambini di Arquata, Amatrice e Acquasanta partecipano alla partita.La Curva dell’Ascoli incontrerà i genitori della piccola Giulia che perse la vita a Pescara del Tronto

103
0
Gli Ultras 1898 dell'Ascoli Calcio

In occasione della partita di campionato Ascoli-Cremonese di sabato 22 febbraio,  saranno ospiti d’eccezione del Club bianconero i bambini di Acquasanta, Amatrice ed Arquata del Tronto.

L’iniziativa è legata al progetto “Insieme si fa prima”, che intende dare seguito al percorso di sostegno post trauma intrapreso in risposta al terremoto che nel 2016 ha sconvolto il Centro Italia.

Il messaggio del Patron dell’Ascoli Calcio Massimo Pulcinelli ha commentato la scelta “Con immenso piacere sabato ospiteremo allo stadio i ragazzini delle zone colpite dal terremoto e i loro genitori, ci piace essere vicini a chi con tenacia, perseveranza e grande pazienza sta uscendo dalla situazione di grave difficoltà in cui è piombato il centro Italia a seguito del terremoto dell’agosto 2016. Siamo molto contenti di avere sugli spalti tanti ragazzini che faranno il tifo per l’Ascoli Calcio”.

I rappresentanti della Curva dell’Ascoli incontreranno i genitori di Giulia e Giorgia, la prima volata in cielo il 24 agosto 2016 a Pescara del Tronto e la seconda rimasta sotto le macerie 17 ore. Michela e Fabio hanno fondato in memoria della piccola, l’associazione Immensamente Giulia, trasformando il dolore in gesti di solidarietà nei confronti dei piccoli che hanno più bisogno.

“Non è facile per noi ricordare quei momenti” – affermano i genitori di Giulia e Giorgia– “ma è doveroso farlo poiché è arrivato il momento di dire grazie. In quei tragici momenti ti rendi conto di quanto, anche un piccolo gesto, possa portare un po’ di conforto. È stato così con i ragazzi della Curva dell’Ascoli, i nostri angeli, che sono stati tra i primi a portarci generi di prima necessità e un peluche, che ancora oggi, veglia sulla nostra piccola Giorgia”.