Home Cronaca Arquata del Tronto, I ragazzi: “Grazie per la palestra, ma ora dateci...

Arquata del Tronto, I ragazzi: “Grazie per la palestra, ma ora dateci un nuovo campo di calcio”

732
0
(ANSA) - ASCOLI PICENO, 21 MAG

Sono rimasti in pochi dopo il terremoto. Molti si sono trasferiti ad Ascoli o lungo la vallata del Tronto fino a Porto d’Ascoli e giocano nelle nuove società di calcio con tanto di divise e campi in erba sintetica,

Ad Arquata lo sport è ripartito il 18 settembre con l’inaugurazione della palestra realizzata grazie alla Fondazione “La Stampa – Specchio dei tempi” di Torino. La stessa Fondazione Specchio dei tempi aveva donato il moderno plesso scolastico antisismico, dotato di tecnologie avanzate e di supporti multimediali di avanguardia.

Una volta completata  la scuola, la Fondazione La Stampa – Specchio dei tempi si è concentrata sulla raccolta di fondi per la costruzione della palestra, che è stata realizzata proprio a fianco del plesso scolastico. Si tratta di una struttura di circa 500 metri quadrati, dotata di campo regolamentare di basket e pallavolo, oltre che dei servizi e degli spogliatoi.

Nella palestra si allenano i ragazzi rimasti ad Arquata e quelli di Accumoli che è già in provincia di Rieti ma che ha gli stessi irrisolti problemi. Bambini delle elementari e ragazzi delle medie insieme per fare attività fisica e Scuola Calcio grazie anche al gran cuore del professor Riccardo Spurio, preparatore atletico e ideatore del Progetto Asterix che porta lo sport a scuola e che passa intere giornate con questi ragazzi per non farli smettete di credere nel loro sogno sportivo.

E così che ora ad Arquata del Tronto comincia a farsi sentire la mancanza di un campo di calcio. Il vecchio stadio è stato utilizzato per la tendopoli prima e per le casette prefabbricate poi. Il calcio non si gioca più e anche la prima squadra che militava in Seconda Categoria ha dovuto abbandonare.

E così ieri sera durante la trasmissione televisiva TVB Calcio su Vera TV condotta da Peppe Ercoli e Vanessa Lancianese, alla presenza di una rappresentativa dell’ASD Arquata, si è parlato proprio del futuro del calcio ad Arquata. La società sportiva ha chiesto all’amministrazione comunale guidata dal Sindaco Aleandro Petrucci, di trovare un terreno per costruire un nuovo campo di calcio che riporti entusiasmo e giovani in quest’area devastata dal sisma. Il terreno pare sia stato individuato.

Adesso serve un finanziatore. Sarà ancora la Fondazione “La Stampa – Specchio dei tempi” di Torino a doversi fare avanti o qualche imprenditore ascolano potrebbe dare subito una mano e realizzare il sogno di questi ragazzi?