Home Cronaca Fermo, Grazie ai Maestri del Lavoro gli studenti dell’ITT Montani hanno visitato...

Fermo, Grazie ai Maestri del Lavoro gli studenti dell’ITT Montani hanno visitato la Mag Mecaer di Monteprandone

314
0
I quaranta ragazzi dell'ITT Montani con i tre docenti e il vice console dei Maestri del Lavoro

Parte da lontano la visita dei ragazzi dell’ITT Montani di Fermo alla Mag Mecaer di Monteprandone. Dagli incontri del novembre scorso in aula con il Maestro del Lavoro Sauro Stella, diplomato Tecnico Meccanico nel 1969 proprio in quell’istituto, per parlare loro della sua invenzione, il Piro Piro, un ibrido tra auto e moto e di tutti i passaggi con cui arrivò alla sua costruzione, il 6 maggio si è proseguito questo interessante percorso di collaborazione con il conosciutissimo e stimato Istituto Fermano con la visita organizzata presso la MAG MECAER GROUP in cui i ragazzi hanno avuto l’opportunità di toccare con mano l’organizzazione di questa importante realtà produttiva del nostro territorio.

Oltre 40 studenti e tre docenti delle V° Meccanica Meccatronica e Energia del Montani di Fermo sono stati accolti dal Direttore Izzi in questa primaria azienda nella manutenzione elicotteri ed allestimento di interni di questi eccezionali mezzi di aviotrasporto.

I ragazzi, divisi in tre gruppi per una visita più accurata e godibile e guidati dagli ingegneri Emiliano Valentini responsabile di Produzione, Andrea Zucca responsabile Qualità Manager e Giuseppe Barbalage Responsabile Manutenzione, hanno visitato i vari reparti approfittando della loro grande professionalità con cui hanno illustrato tutte le varie fasi sia di produzione di pezzi di ricambio che di allestimento di interni e manutenzione degli elicotteri. Visita interessantissima, come solito, per studenti e docenti.

Presente il Vice Console dei Maestri del Lavoro di Ascoli Piceno e Fermo, Maurizio Valentini responsabile dei rapporti con le istituzioni per la provincia di Fermo. Un ringraziamento particolare alla Direzione della Mag rappresentata dal Direttore dott. Giuseppe Izzi, ai tre ingegneri che hanno assistito i ragazzi nella visita e alla Regione Marche che con il suo contribuo rende possibili queste belle iniziative.