Home Cronaca A San Benedetto “Parking pass”, progetto per un utilizzo corretto degli spazi...

A San Benedetto “Parking pass”, progetto per un utilizzo corretto degli spazi per i disabili. Il sistema informatico fornirà indicazioni anche sugli stalli liberi

177
0

SAN BENEDETTO, Nella sala Giunta del Comune si è tenuto un incontro tra i responsabili dei Servizi Infrastrutture Digitali, Politiche Sociali e Polizia Municipale del Comune di San Benedetto del Tronto, i quali, alla presenza dell’Assessore alle Politiche Sociali Emanuela Carboni, hanno presentato al Presidente e alla Vice Presidente della Consulta comunale per la Disabilità il progetto “PARKING-PASS”, una sperimentazione utile alla gestione dei parcheggi riservati ai disabili.

Sono molteplici le finalità dell’iniziativa, che sarà attivata già per l’estate 2020: evitare l’occupazione abusiva degli stalli riservati ai disabili ed eventualmente sanzionarla, fornire alla cittadinanza, in tempo reale, una mappatura di tutti gli stalli gialli.

La sperimentazione prenderà il via su 100 posteggi, attraverso il posizionamento a terra di un sensore in grado di comunicare ad un computer l’occupazione di un parcheggio da parte di un veicolo. A quel punto sarà possibile capire se il posteggio giallo è usato da quanti ne abbiano diritto, oppure no, grazie ad un piccolo dispositivo del quale i possessori di tesserino disabili saranno progressivamente dotati.

A completamento, sarà attivata una APP, che oltre ad avere le stesse funzioni del dispositivo di trasmissione (indispensabile per i turisti che non ne sono in possesso), fornirà una mappatura in tempo reale degli stalli riservati presenti sul territorio, sia liberi sia occupati, e darà indicazioni sulle come raggiungerli grazie a un navigatore.

“Come amministrazione siamo molto orgogliosi di presentare un progetto così innovativo – afferma l’assessore ai Servizi Sociali Emanuela Carboni – in quanto oggi è fondamentale utilizzare la tecnologia anche per accelerare i processi di inclusione sociale e migliorare la qualità della vita delle persone con disabilità. Pertanto, a seguito della fase di sperimentazione, l’obiettivo finale sarà quello di dotare tutti i parcheggi comunali di questa tecnologia.”