Home Cronaca Gioia Ficetola di Monteprandone vince il concorso nazionale Premio Louis Braille

Gioia Ficetola di Monteprandone vince il concorso nazionale Premio Louis Braille

262
0

MONTEPRANDONE, Si chiama Gioia Ficetola, e ha otto anni, la vincitrice del Premio nazionale Louis Braille, per la sezione Scuola Primaria primo ciclo,.
Gioia vive a Centobuchi, con i suoi fantastici genitori, Katia e Massimo, frequenta la terza elementare, ed è una bambina vivacissima, curiosa e allegra: è molto attiva nel tessuto del territorio e si dedica con passione al teatro, al canto, al nuoto e al pianoforte.
Una passione, quella per il pianoforte, avviata da diversi anni e proseguita con impegno, che spesso lascia stupite le persone che si trovano ad assistere ad una sua esibizione, per la maestria ma anche l’emozione che Gioia sa esprimere al pianoforte.
Il Concorso nazionale di lettura “Louis Braille” è nato per mettere a confronto i non vedenti di tutta Italia riguardo alla padronanza che essi hanno del sistema, ma anche per sensibilizzare la cittadinanza su ciò che l’invenzione di Braille ha rappresentato e rappresenta tuttora per i non vedenti di tutto il mondo.

Organizzato dalla Biblioteca Italiana per i Ciechi Regina Margherita, il concorso coinvolge tutte le sezioni territoriali e i Consigli regionali dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti (Uici) e, tra gli altri, ha visto nella giuria il vice presidente Uici Marche, Armando Giampieri.

Per il 2019, le selezioni provinciali erano partite a gennaio. I partecipanti dovevano competere nella lettura in braille di un brano non scolastico e sconosciuto al lettore e sono stati divisi in 6 categorie: Scuola primaria 1° ciclo, Scuola primaria 2° ciclo, Scuola secondaria di primo grado, Scuola secondaria di secondo grado – biennio, Scuola secondaria di secondo grado – triennio, Università e adulti.

Poi è seguita la fase regionale, con i candidati valutati dai Consigli regionali Uici, dalla quale sono emersi i nomi dei 30 finalisti, che si sono sfidati nel Centro Le Torri – Olympic Beach di Tirrenia (Pisa).
La valutazione dei partecipanti ha tenuto conto della precisione nella lettura, della fluidità, della correttezza, della postura e della espressività dimostrate.