Home Cultura & Spettacolo IL PROGRAMMA REGIONALE DELLA RETE SCOLASTICA E DELL’OFFERTA FORMATIVA PER L’ANNO SCOLASTICO...

IL PROGRAMMA REGIONALE DELLA RETE SCOLASTICA E DELL’OFFERTA FORMATIVA PER L’ANNO SCOLASTICO 2020/2021 IN PROVINCIA DI ASCOLI PICENO

257
0

La finalità del Programma Regionale della Rete scolastica e dell’Offerta formativa per l’Anno Scolastico 2020/2021?
“Assicurare agli studenti marchigiani, in maniera omogenea tra le diverse aree territoriali, le medesime opportunità formative”: è stato approvato giovedì 2 gennaio dalla Giunta regionale, su proposta dell’assessore all’Istruzione e Lavoro, Loretta Bravi.

L’atto “che ha richiesto una approfondita analisi delle problematiche territoriali, si è sviluppato attraverso un ampio confronto in una visione oggettiva, funzionale a rendere efficiente e qualificare il sistema dell’istruzione- spiega l’assessore, – individua una serie di priorità: mantenere i presidi scolastici nelle zone del sisma; negoziare con il Ministero per il mantenimento e la gestione regionale delle autonomie valorizzando specifiche aree interne; assicurare almeno un liceo musicale per provincia vista l’eccellenza marchigiana dei due conservatori presenti; assicurare corsi musicali per le medie inferiori distribuiti equamente sul territorio regionale in base ai bacini di utenza; prevedere una deroga al numero degli alunni per classe tenendo conto di specifiche esigenze territoriali e situazioni di disagio; mantenere le pluriclassi laddove sono attualmente presenti mettendo in rete le classi per scopi didattici; approvazione dell’elenco definitivo delle Sezioni Primavera al fine di assicurare un’informazione aggiornata alle famiglie; autorizzare i percorsi di II livello per l’anno 2020/2021 e confermare i precedenti; autorizzare i percorsi di I e FP per l’anno 2020/2021 e confermare i percorsi attivati con la precedente programmazione”.
Tali corsi prevedono un finanziamento POR FSE attivato con uno specifico avviso pubblico; confermare un CPIA per ciascuna delle cinque province; azzerare gli indirizzi di studio delle istituzionali scolastiche di II^ grado statali autorizzati in precedenza ma non attivati per mancanza di iscrizioni; accorpare solo gli istituti sottodimensionati da richiesta provinciale.

“Grande attenzione è stata data al tema dell’orientamento previsto non solo nelle quattro giornate regionali ma con incontri specifici sui territori – rileva Bravi – è necessario, infatti, curare non solo l’orientamento in uscita delle IV^ e V^ classi ma anche quello in entrata favorendo un orientamento territoriale che coinvolga la terza media e il biennio delle superiori, curvato soprattutto su una conoscenza territoriale delle realtà scolastiche, delle aziende, dell’artigianato, nell’ottica di un’alternanza-scuola lavoro virtuosa”.

A breve, su iniziativa della Giunta, verrà inviata a tutti i Presidi dei licei scientifici marchigiani (con indirizzo Scienze Applicate) una lettera dove si invita ad un incontro per valutare la proposta di istituire un liceo artigianale per provincia secondo i peculiari distretti produttivi territoriali. In provincia di Ascoli Piceno viene prevista:

La chiusura dell’Istituto A. Ceci di Ascoli Piceno all’interno dell’IIS Fermi-Sacconi-Ceci (come richiesto dalla Provincia); il mantenimento del CPIA di Ascoli Piceno; l’attivazione corso ad indirizzo musicale presso le seguenti Scuole Secondarie di I grado: IC san Benedetto del Tronto Nord, IC San Benedetto del Tronto Sud; l’attivazione dell’indirizzo musicale del Liceo Musicale Coreutico presso la sede del Liceo Classico Leopardi di San Benedetto del Tronto; l’ autorizzazione/mantenimento degli indirizzi professionali, degli I e FP e dei percorsi di II livello.