Home Politica Lega San Benedetto: Non ci accontenteremo di essere un ospedaletto a corredo...

Lega San Benedetto: Non ci accontenteremo di essere un ospedaletto a corredo di quello principale di vallata. San Benedetto deve avere il suo ospedale

219
0

SAN BENEDETTO – La Lega di San Benedetto del Tronto torna a ribadire con forza la necessità di mantenere attivo e anzi di implementare l’Ospedale Madonna del Soccorso, ora che l’emergenza sanitaria si è un po’ attenuata e si possono iniziare a trarre le prime valutazioni, .
“Concentrare tre ospedali in una provincia di poco sopra i duecento mila abitanti sarebbe finanziariamente insostenibile. Quindi o l’ospedale di Pagliare oppure quelli di Ascoli e San Benedetto. Chi dice il contrario dice il falso: privare le due massime cittadine provinciali dei loro nosocomi, significa produrre un disservizio ai malati e ai loro parenti non solo ascolani e sambenedettesi ma delle aree limitrofe che ne usufruiscono, oltre a provocare un danno economico di proporzioni inimmaginabili. Sarebbe, in sostanza, – afferma Andrea Maria Antonini, responsabile regionale enti locali e Commissario provinciale della Lega Salvini Premier – favorire l’indotto economico verso un paese massacrando l’economia di due città.

Inoltre questa drammatica esperienza ci deve insegnare che l’ospedale deve essere visto come il tassello finale di un percorso di un paziente. Paziente che prima dovrà essere sostenuto da una rete territoriale sanitaria fatta di prevenzione, informazione, medici di base, case della salute, diagnosi veloci.
Per questo la Lega chiede che le risorse che il PD vuole destinare per un inutile terzo ospedale siano riversate per potenziare tutto ciò”.
Per Laura Gorini, responsabile cittadina della Lega “l’emergenza Covid19 ha reso più che mai evidente che la sussistenza di due ospedali è stata provvidenziale per riuscire a gestire in sicurezza l’emergenza sanitaria.
Tutta questa dura vicenda conferma ciò che la Lega sosteniene da sempre: l’Ospedale Madonna del Soccorso non solo non deve essere depotenziato, ma anzi va assolutamente implementato. Anche in questa emergenza il nostro nosocomio ha dimostrato di essere una struttura di eccellenza: invece di pensare ad un’operazione edilizia con la costruzione di un nuovo ospedale a Spinetoli, la Regione dovrebbe occuparsi di sviluppare tutte le potenzialità di quello che abbiamo qui a San Benedetto!
Come abbiamo sempre detto il nostro Ospedale non si tocca. È una battaglia che stiamo portando avanti da due anni: è iniziata con la raccolta di migliaia di firme e proseguirà con determinazione fino a quando nero su bianco, non avremo la certezza che la sinistra avrà abbandonato il suo improvvido piano di costruire l’Ospedale a Spinetoli. Ovviamente non convince la storia, ultimamente raccontata dalla sinistra, per cui sarebbe possibile la coesistenza di tre ospedali nel Piceno.
Il Madonna del Soccorso per la nostra città è un elemento fondamentale ed è giusto che nelle dinamiche provinciali abbia, insieme a quello di Ascoli, un ruolo da protagonista. Non ci accontenteremo, quindi, neppure di essere, nella migliore delle ipotesi raccontate dalla sinistra, un ospedaletto a corredo di quello principale di vallata. San Benedetto ha bisogno del suo Ospedale e l’Ospedale ha bisogno di San Benedetto. Le cifre degli accessi parlano chiaro”.
“Nel ripristinare la piena funzionalità dell’ospedale cittadino, vista la competenza, la professionalità il sacrificio ed abnegazione dimostrata da tutte le categorie dei lavoratori del nosocomio, la Regione ha avuto dimostrazione che il territorio Piceno non può prescindere da due ospedali. Inoltre si tenga presente, che comunque nonostante questo momento travagliato, stiamo andando incontro all’estate, seppur rimaneggiata, e San Benedetto non può assolutamente rimanere senza il suo Pronto Soccorso . La ripresa del nostro turismo passa anche dall’offerta sanitaria da poter offrire”, sottolinea il consigliere comunale leghista Emidio del Zompo.