Home Cronaca Servizio idrico, Fabiani: “Istituzioni ci sono state e ci saranno sempre”

Servizio idrico, Fabiani: “Istituzioni ci sono state e ci saranno sempre”

217
0
Il Presidente della Provincia, Sergio Fabiani

Il Presidente dell’Assemblea dei sindaci del servizio idrico, Sergio Fabiani, interviene in questo momento particolarmente difficile, considerando la difesa dell’acqua l’obiettivo primario.

“La difesa di un bene prezioso come l’acqua sarà sempre l’obiettivo primario, dai Sindaci dei Comuni, all’Aato che li rappresenta, dalla Regione Marche fino ai rappresentanti dello Stato, dal Ministero, alla Protezione civile. Mi sento quindi di rassicurare il Presidente della Ciip-Vettore Alati che ha lanciato un accorato appello. Comprendo lo stato d’animo nell’affrontare quest’emergenza sanitaria all’improvviso con scelte impegnative, ma posso affermare che le tutte le istituzioni, partendo dall’Assemblea dei Sindaci, si stanno adoperando per affrontare al meglio la situazione e superarlainsieme. Sottolineo che, proprio nei momenti di difficoltà, si deve agire all’unisono assumendo ognuno le proprie responsabilità e attivando le migliori sinergie per il bene comune. La costruzione di un sistema forte e a totale partecipazione pubblica per la gestione del sistema idrico è l’ispirazione di tutti i Sindaci che già nel 2003, tra i primi in Italia, scelsero con lungimiranza una gestione pubblica del ciclo integrato delle acque, individuando la Ciip-Vettore come soggetto in grado di assolvere a questo compito strategicoNel tempo la società è cresciuta, in termini di fatturato e di dipendenti, ed ha gestito in maniera efficiente il servizio pur nel contenimento dei costi a carico degli utenti che i Sindaci hanno preteso i  più sostenibili possibile. Non a caso, infatti, la bolletta è tra le più basse delle MarcheIn tale contesto di proficua collaborazione, i Sindaci sono stati sempre al fianco della Ciip-Vettore, soprattutto nei momenti più difficili. Ne rappresenta una testimonianza importante la decisione assunta nel 2017 dai sindaci, all’indomani della tragedia del terremoto, di estendere fino al 2047 la gestione del servizio idrico per consentire la realizzazione di ben 220 milioni di investimenti, senza aumentare la bollettaPer non parlare degli oltre 26 milioni di euro arrivati dal Ministero, per finanziare post terremoto una primo tratta di acquedotto nel territorio di Arquata. Ricordo anche ifinanziamento da parte della Regione Marche e del Ministero di circa 5,8 milioni di euro nel 2019 per fronteggiare la crisi idrica. Ed ancora, le risorse di oltre 5 milioni di euro per la separazione della rete fognaria che porta al depuratore di Campolungo di Ascoli Piceno ed i finanziamenti regionali di svariati milioni sui depuratori per metterli a norma. Va infine ricordato il finanziamento di otre 200 milioni di euro da parte del Ministero per realizzare il cosiddetto “Anello dei Sibillini”, una rete acquedottistica che collegherà i territori di Ascoli, Fermo e MacerataIn questo quadro di grandi risorse rese disponibili  e movimentatei Sindaci hanno confermato il ruolo strategico della Ciip-Vettore, in termini di progettazione e realizzazione delle opere, con prevedibili positivi per il territorio. Come in passato, anche oggi, i Sindaci e le istituzioni tutte saranno in prima linea per fronteggiare la situazione. Infatti, già prima dell’emergenza sanitaria erano stati attivati con i Comuni una serie di percorsi finalizzati ad estendere la sospensione del pagamento delle bollette per i territori più duramente colpiti dal terremoto. Analogamente, potrà essere estesa la sospensione a tutte quelle categorie in difficoltà a causa del coronavirus. Attendiamo le decisioni dell’Autorità nazionale per agire tempestivamenteE’ con la certezza che la società Ciip-Vettore proseguirà in maniera esemplare a svolgere il compito affidato, che auguro buon lavoro a tutti rinnovando la mia gratitudine e ammirazione per i medici e gli operatori sanitari che sono stati sempre in prima linea per affrontare l’emergenza.”