Home Cronaca La Regione Marche parla di pacchetti per le liste di attesa, con...

La Regione Marche parla di pacchetti per le liste di attesa, con medici anche nel week end. Ma quanti devono recuperare le prestazioni non svolte a causa della pandemia non potranno farlo

311
0

La Regione Marche annuncia di aver messo in campo un pacchetti di misure per riprogrammare le liste di attesa e recupere le prestazioni non svolte a causa della pandemia da Covid-19.
Allungamento degli orari di visita e diagnostici, app semplificata per prenotare le prestazioni, accordo con il personale sanitario per orari di lavoro anche al sabato e, in alcuni casi, pure la domenica; ampliamento del numero delle farmacie dove sarà possibile prenotare.
L’obiettivo è accelerare il ritorno alla normalità nel più breve tempo possibile.
È stato discusso e concordato oggi in una riunione operativa convocata dal presidente Luca Ceriscioli. Al tavolo i direttori generali delle Aziende ospedaliere Marche Nord (Maria Capalbo), Ospedali Riuniti di Ancona (Michele Caporossi), Inrca (Gianni Genga), Asur Marche (Nadia Storti) e del servizio Salute (Lucia di Furia). Concordate le modalità operative e organizzative della “ripartenza”.
La Regione, ha detto Ceriscioli, investira oltre 5 milioni di euro per supportare questa riorganizzazione.

I lanci di notizie sono queste, (fonte Ansa), peccato che la parte inerente il recupero delle prestazioni non svolte a causa della pandemia da Covid -19 non proceda come annunciato.

A quanti telefonano, ai Cup (non sanno cosa rispondere al quesito), o agli Urp dei vari ospedali viene riferito, infatti, che le prestazioni non possono essere recuperate, ma che è necessario fornirsi di nuove ricetta dal proprio medico di famiglia. Viene riprogrammata la visita solo se trattasi di prima visita, non di un controllo: un atteggiamento molto strano, perchè si suppone che chi ha bisogno di un controllo sia afflitto da una patologia specifica, e pertanto necessita di un controllo programmato.

Sono numerose le testimonianze in tal senso, di persone che da tempo provano invano a recuperare le visite, non effettuate ad Ascoli Piceno e a San Benedetto del Tronto non per propria scelta, ma ovviamente a causa della pandemia, che non si capisce perchè non debbano essere riprogrammate da chi le ha annullate, temporaneamente, con la promessa di un recupero che a quanto pare non ci sarà.
Il risultato? Sarà quello di doversi fornire di nuova richiesta dal medico, e di trovarsi di fronte a mesi e mesi di attesa.