Home Cronaca Coldiretti Ascoli, nuovo direttore Milena Sanna. L’uscente Visotti destinato a Ferrara

Coldiretti Ascoli, nuovo direttore Milena Sanna. L’uscente Visotti destinato a Ferrara

168
0

È la dottoressa Milena Sanna , 48 anni originaria di Sassari, il nuovo direttore della Federazione interprovinciale di Ascoli e Fermo. Il passaggio di consegne con l’uscente Alessandro Visotti (destinato a Ferrara) è stato effettuato oggi nella sede ascolana di via Asiago alla presenza del presidente Armando Marconi. “Un benvenuto al nuovo direttore – ha detto – e un saluto fraterno al direttore Visotti al quale auguriamo un buon lavoro, consapevoli che farà bene anche nel suo nuovo territorio”. Al primo incarico come direttore, la Sanna lavora in Coldiretti da ben 27 anni. Esperienza iniziata alla Pac provinciale a Sassari dal 1993 al 1999, ha successivamente ricoperto il ruolo di responsabile di zona nelle zone di Thiesi (SS), Sassari e, dal 2015 a oggi, ad Alghero. Fino al 2017 ha ricoperto inoltre l’incarico di responsabile di Donne Impresa e degli agriturismi di Terranostra per la provincia di Sassari. “So che ad Ascoli c’è un’ottima squadra e ringrazio tutti dell’accoglienza che mi è stata riservata– le sue prime parole durante l’incontro con il personale e i segretari di zona della Federazione – Tutto ciò mi ha fatto molto piacere e sono convinta che insieme faremo un bel lavoro al servizio delle aziende agricole e per promuovere sempre di più i nostri progetti di filiera italiana e di chilometro zero attraverso i mercati di Campagna Amica. Mi inserisco in un contesto nuovo e voglio lavorare all’insegna della continuità con il lavoro svolto dal collega Visotti che mi ha preceduto, aggiungendo la mia esperienza ventennale nella nostra grande organizzazione Coldiretti. L’incarico odierno mi motiva ancora di più e accresce in me il senso di responsabilità consapevole dell’importanza della Federazione ascolana e dei tanti settori produttivi rappresentati dai nostri soci. Sarò sempre nel territorio, ad ascoltare la voce della nostra base sociale”.