Home Prima Pagina Marche, ventilazione meccanica nelle classi, il Pd: “Finanziate appena 500 aule”

Marche, ventilazione meccanica nelle classi, il Pd: “Finanziate appena 500 aule”

240
0

“Il bando per finanziare i progetti di ventilazione meccanica nelle aule scolastiche rappresenta l’ennesimo grande bluff della giunta Acquaroli, che continua a eludere i veri nodi della pandemia, sprecando risorse preziose per gettare fumo negli occhi dei marchigiani. L’assessore Baldelli parla di velocità e concretezza, ma è fin troppo facile evidenziare come i 2 milioni previsti siano clamorosamente insufficienti a coprire il fabbisogno regionale, senza tenere conto che, considerati i tempi di appalto e realizzazione, tali progetti rischiano di risultare inutili allo scopo che si propongono”.

Così il gruppo assembleare del Partito Democratico critica severamente il bando per i contributi volti a finanziare i progetti di ventilazione meccanica nelle scuole emesso dalla Regione Marche.

“Purtroppo per Acquaroli – spiegano i consiglieri dem – la matematica non mente. Dati alla mano vediamo che, per quanto riguarda le scuole superiori, sono stati previsti 600 mila euro di contributi alle cinque province per progetti riguardanti appena 150 aule, a fronte di circa 3500 sezioni suddivise in 224 scuole. Per quanto concerne invece i Comuni, il bando stanzia 1 milione 400 mila euro per 350 aule delle scuole elementari e medie su un totale di circa 5300 sezioni, 3400 nelle scuole elementari e 1900 nelle scuole medie, dislocate in 677 plessi scolastici. Una vera e propria presa in giro, considerando che solamente i finanziamenti destinati alle scuole dei comuni superiori ai cinquemila abitanti non soddisfano neanche le necessità di un’intera scuola. Se poi ci mettiamo che questo assurdo provvedimento è stato più volte citato a livello nazionale da Giorgia Meloni quale modello virtuoso di gestione della riapertura delle scuole, è facile capire come la destra sovranista, a ogni livello, rappresenti una pericolosa miscela di incapacità, inefficienza e pressapochismo che, inevitabilmente, arreca pesanti danni alle nostre comunità”.