Home Eventi I concerti tornano in presenza: venerdì 21 maggio al Teatro Concordia di...

I concerti tornano in presenza: venerdì 21 maggio al Teatro Concordia di San Benedetto in scena Pierino e il lupo, famosa fiaba musicale di Profofiev. Cast d’eccezione: voce narrante Claudio Gregori, in arte Greg, direttore m° Pietro Borgonovo con l’Orchestra Filarmonica del Piceno

337
0

SAN BENEDETTO – Penultimo appuntamento per la Stagione dei Concerti 2021/2021 sambenedettese, finalmente in presenza. Dopo l’interessante esperienza dei concerti in streaming, voluti dall’Assessorato alla Cultura della Città di San Benedetto e dalla Fondazione Gioventù Musicale d’Italia, finalmente si torna a poter ascoltare la musica dal vivo, con un concerto che si preannuncia eccezionale, anche per il cast.

Succederà venerdì 21 Maggio, alle ore 19, al Teatro Concordia di San Benedetto del Tronto, dove sarà di scena “PIERINO e il LUPO”, la famosa fiaba musicale di Profofiev, con un cast d’eccezione: la voce narrante, infatti, è dell’attore Claudio Gregori, in arte GREG. Direttore il Maestro Pietro Borgonovo, con l’Orchestra Filarmonica del Piceno, un progetto della Gioventù Musicale, che ha voluto creare una compagine orchestrale con musicisti, soprattutto giovani, provenienti dal nostro territorio e da quelli limitrofi, per dare un segnale di ripresa della attività culturale e di rinnovata speranza nel futuro.

Il concerto viene realizzato in collaborazione con il Conservatorio Pergolesi di Fermo, al fine di favorire l’inserimento nel mondo del lavoro dei giovani musicisti e il concerto di San Benedetto costituisce, quindi, una presentazione in anteprima dell’Orchestra; il programma della serata sarà completato dall’Eine Kleine di Mozart.

Claudio Gregori, in arte GREG, è una delle figure più poliedriche del panorama artistico italiano: attore, cantante, comico, conduttore. In duo con Pasquale Petrolo, in arte Lillo, ha creato il famoso Duo Lillo e Greg. Attivo in televisione in famosi programmi come Le Iene, Ottavo Nano, è un abile conduttore radiofonico, oltre che attore di cinema e teatro. Sarà sicuramente un raffinato ed ironico Pierino, e GREG e ci regalerà sicuramente una serata spumeggiante.

Pietro Borgonovo, direttore d’orchestra e oboista di grande fama, ha diretto le principali orchestre in Italia, Europa e Stati Uniti, nei maggiori teatri e festivals dal Salzburger Festpiele al Maggio Musicale Fiorentino, ed ancora Biennale di Venezia, Ravenna Festival, Semperoper di Dresda, Arena di Verona, Teatro dell’Opera di Roma, al Teatro La Fenice di Venezia, al Teatro Carlo Felice di Genova. Come oboista si è imposto giovanissimo, con indimenticabili concerti al Teatro alla Scala, al Salzburger Festpiele, Biennale di Venezia, Musikverein di Vienna, Festival d’Automne di Parigi, Carnegie Hall di New York, Sala Grande del Conservatorio Tchaikovsky di Mosca, Filarmonica di San Pietroburgo.

Biglietti Euro 10, con ridotto ragazzi ad euro 8,00, in vendita on line sul circuito www.ciaotickets.com e in tutte le rivendita autorizzatae ciaticktes

https://www.ciaotickets.com/biglietti/greg-pierino-e-il-lupo-orch-ofp-dir-pietro-borgonovo.

Si precisa nel contempo, che per quanti lo preferiscono, se ancora disponibili i biglietti si potranno acquistare anche alla cassa, il pomeriggio del concerto. Possibile anche prenotare telefonicamente al numero telefonico della Giuventù Musicale Italiana,  3805921393.

PIERINO E IL LUPO

Di Serge

Claudio Gregori in arte Greg nasce a Roma il 17 novembre del 1963 e comincia la sua carriera musicale nel 1979, quando forma la band blues Jumpin Blues Boys, seguita nel 1892 dai Jolly Rockers, con la quale si esibirà fino al ’99. Sempre nell’82, l’artista esordisce in radio, su Radio Città Futura, con il Wolfman Greg Show, trasmissione in cui mette dischi e racconta a suo modo l’universo del rock and roll. Nell’85 è la volta dei fumetti comici. Per ACME, Greg diventa autore di “Sergio” e de “I Sottotitolati” e fa amicizia con Pasquale Petrolo in arte Lillo, che per la stessa casa editrice si occupa di “Stinco & Laido”, “Topo Martino” e “Zio Tibia”.

Quando la ACME fallisce e Gregori e Petrolo si ritrovano improvvisamente disoccupati, decidono di cambiare mestiere dando vita al gruppo musicale Latte & i suoi Derivati, che riscuote da subito un notevole successo. All’attività musicale, Claudio affianca, insieme all’amico e compagno, quella televisiva: lavorando per esempio per Le Iene, ideando nel 2000 Telenauta ’69 (omaggio in bianco e nero alla tv degli anni ’60), partecipando a L’Ottavo Nano e a B.R.A. Braccia Rubate all’agricoltura (entrambi condotti da Serena Dandini), collaborando come autore a Stracult e recitando nella quinta stagione di Un medico in famiglia (dove interpreta uno dei fratelli Zinco).

Ospiti nel 2008 di Very Victoria, Lillo e Greg partecipano alla seconda stagione della trasmissione rendendosi protagonisti di mini fiction surreali. Ritrovano inoltre la Dandini in Parla con me (dove si ritagliano uno spazio con Greg Anatomy) e, nel 2012, in The Show Must Go Off. Oltre ai loro sketch, nel programma i due propongono in versione tv La saga de L’uomo che non capiva troppo. Segue la messa in onda dei loro spettacoli “Sketch & Soda” e “Serata per voi”.

Irresistibili commentatori di Takeshi’s Castle e inventori e conduttori della popolarissima trasmissione radiofonica 610, ideata nel 2004, Greg e Lillo non vanno esattamente di pari passo con il cinema. Pasquale Petrolo frequenta la settima arte più di Claudio Gregori, il quale recita, senza l’amico e collega, in Tre Mogli. Nel film di Marco Risi uscito nel 2001 l’attore si aggiudica niente meno che il ruolo del protagonista maschile, un poliziotto di nome Amedeo che segue a Buenos Aires tre donne a caccia dei loro mariti scomparsi. Altra prova “in solitudine” è il mediometraggio Woodland. L’esordio davanti alla macchina da presa della coppia avviene invece nel 1998 nella commedia di Giorgio Panariello Bagnomaria. Poi arriva Blek Giek, nel quale Claudio è un tossico di nome Gigino e Pasquale un dentista che cura i malavitosi. Un salto di qualità i due lo compiono in Lillo e Greg – The Movie! (che è un’antologia dei loro sketch più spassosi), anche se la svolta arriva quando incontrano il produttore Aurelio De Laurentiis, desideroso di rinnovare il cinepanettone accogliendo nuove forme di comicità. Il film numero uno targato Filmauro con Gregori e Petrolo è Colpi di Fulmine (del 2012), in cui primo è un ambasciatore colto che desidera conquistare una bella pescivendola e si fa insegnare dal secondo – che è il suo autista – a comportarsi da perfetto romanaccio.

Visto il successo dell’esperimento, l’anno successivo la collaborazione fra Greg e Lillo e il produttore prosegue con Colpi di Fortuna, che regala a Claudio il personaggio di un ragazzo peno di tic e affetto da gravi problemi mentali. Passano 12 mesi e Lillo e Greg si aggiudicano una commedia natalizia con un’unica storia: Un Natale stupefacente, vicenda di due zii completamente diversi l’uno dall’altro che devono occuparsi dell’educazione del nipote. Per la loro performance, i due artisti ricevono dal Sindacato Giornalisti Cinematografici Italiani il Premio Nino Manfredi. Nel 2015 è la volta di Natale col boss – rocambolesca avventura di due chirurghi plastici che per un intervento andato male si cacciano nei guai – mentre ne l 2016 arriva Natale a Londra – Dio Salvi la regina, che offre a Claudio Gregori la parte di un ex delinquente che, invece di diventare una persona onesta una volta uscito di galera, si trova coinvolto in un’operazione criminale.

Ideatore insieme a Pasquale Petrolo della popolare web-series Pupazzo criminale, sempre con l’amico e collega Greg ha recitato in diversi spettacoli teatrali, alcuni scritti da solo, altri in collaborazione con Lillo, altri ancora firmati esclusivamente da Lillo. Fra i più celebri ricordiamo: “Il mistero dell’assassino misterioso”, “Intrappolati nella commedia”, “Chi erano i Jolly Rockers?”. Da non dimenticare, infine, “AgGregazioni”, monologo di Claudio che parte da un suo libro.