Home Cultura & Spettacolo Il ricordo del Maestro Franco Loi al centro della cerimonia del 12^...

Il ricordo del Maestro Franco Loi al centro della cerimonia del 12^ Premio letterario nazionale Città di Grottammare. Grande commozione nella Sala Kursaal nel pomeriggio della premiazione

501
0
dig

GROTTAMMARE – La Pelasgo 968 di Grottammare fa un bilancio della 12^ edizione del Premio Letterario Nazionale Città di Grottammare, sul quale è sceso il sipario, dopo la cerimonia di premiazione che si è sviluppata nella Sala Kursaal, a Grottammare: che ha rappresentato un ritorno ad una normalità, seppur non totale, nel rispetto delle normative anti-covid.
Presentati da Giuseppe Vultaggio e da Giovanna Frastalli, sul palco si sono alternati gli autori: dai vincitori dei premi maggiori a quelli minori, tutti ugualmente uniti dall’amore per la scrittura, ognuno nel suo genere.

Toccante l’apertura della cerimonia, con il Sindaco Enrico Piergallini, il Presidente della Pelasgo 968, Gianmario Cherubini, l’anima del premio stesso, Giuseppe Gabrielli e Francesca Loi, figlia di Franco Loi, giunta ancora una volta a Grottammare, dopo aver partecipato alla cerimonia di conferimento della Cittadinanza onoraria al padre, per ricordare la sua figura, non solo in virtù della sua forte rappresentanza all’interno del premio, avendo ricoperto la carica di Presidente onorario, ma anche alla luce della grande amicizia e stima che univa la Pelasgo 968 e i suoi componenti al grande maestro.

dig

Il ricordo del maestro è stato al centro dell’intervento del primo cittadino, che si è soffermato anche sull’indiscutibile crescita del premio letterario.

dig

Numerosi, dunque, gli autori presenti a ritirare il premio, che ricordiamo, alla 12^ edizione sono stati complessivamente 763, con 1091 opere in concorso: quelli che non hanno potuto partecipare, proprio per le restrizioni dettate dalla pandemia, hanno inviato messaggi di stima, che sono stati letti sul palco.

Il premio è organizzato dall’Associazione Pelasgo 968 di Grottammare, con il patrocinio del comune di Grottammare, Provincia di Ascoli Piceno, del Centro Nazionale di Studi Leopardiani, Omphalos Autismo e Famiglie e Università degli studi di Teramo, Abruzzo Book Festival e associazione I Luoghi della Scrittura e la collaborazione con la Ernesi cosmofarmaceutica di San Benedetto del Tronto.

Realtà che sono state rappresentate sul palco, nel ricevere i vincitori, a cura dei vertici della Pelasgo e di alcuni dei giurati, tra cui il Presidente della giuria tecnica della Sezione narrativa, Filippo La Porta, e quella del libro di Poesia, Giovanni D’Alessandro, insieme agli ulteriori giurati, Francois Morlupi, Elena Malta, Vittorio Verducci, Roberto Ciavarro, Giovanna Frastalli, Giuseppe Gerbino e Paolo Montanari.

A consegnare i premi c’era anche Lorenzo Marcelli, della Ernesi di San Benedetto, ormai storico partner del premio.

“Tornare a svolgere in presenza le Premiazioni del Concorso Letterario Città di Grottammare ha rappresentato un grande sforzo organizzativo, di cui però siamo assolutamente soddisfatti. In primis – afferma la Pelasgo 968 – per quel segnale di rinascita che volevamo dare dopo un anno in cui per la prima volta abbiamo dovuto soprassedere. Ringraziamo pertanto tutte quelle persone che alla Sala Kursaal sono rimaste per circa quattro ore con mascherina e distanziamento: abbiamo chiesto un bel sacrificio e speriamo che alla resa dei conti sia valsa per loro la pena.
Per quanto ci riguarda, come Associazione Pelasgo, tutto ciò è stato impagabile. Poter rivedere i vecchi amici, conoscerne di nuovi, ricevere i loro giudizi, le loro lodi e anche le loro critiche, ci hanno fatto riassaporare le gioie e le fatiche del passato. E’ stato come tornare indietro nel tempo, o meglio, è stato come riprendere un cammino interrotto e ripartire in questo meraviglioso viaggio assieme.
Fare un concorso ha senso solo se ci si ritrova tutti assieme, si parla dei propri lavori, li si porta a conoscenza degli altri colleghi, si trovano nuovi stimoli e nuove idee dal confronto diretto”, è la conclusione dei vertici della Pelasgo 968.

Questi i vincitori della 12^ edizione:

Nella Sez. A–Poesia inedita in lingua italiana a tema libero, si aggiudica la vittoria Rocco Davide Colacrai, con la sua opera “Cristo con violino”
Nella Sez. B–Poesia inedita in vernacolo a tema libero. Primo premio a Stefano Baldinu, con “Intro a su silentziu de un’ateru universu”
Nella Sez. C–Racconto/Saggio breve/ Inediti a tema libero, il vincitore è Roberto Leoni, con “Milordo”.
Nella Sez. D–D1-Libro Edito di Poesia, (Pubblicati dal 1° gennaio 2013 al 31 gennaio 2021) la giuria ha scelto Claudia Zironi, autrice di “Not Bad”, edito da Arcipelagoitaca
Sez. D- D2-Libro Edito di Narrativa/Saggio, (Pubblicati dal 1° gennaio 2013 al 31 gennaio 2021) vince Valentina Oliveri che ha scritto “Oggetti emancipati” edito da Albatros.
Sez. SPECIALE: Università di Teramo Libro Inedito/Opera prima edita (Libro pubblicato dal 1 gennaio 2019 al 31 gennaio 2021)Domenico Ippolito con L’Ultima primavera del secolo (Aporema Edizioni)
Premio Speciale Romanzo storico a Carlotta Wittig con “Floridiana, la figlia del rinascimento” (Chi più Neart Edizioni)
Premio speciale Opera teatrale a Eugenio Sideri con “Lo Squalo” Editore Monologo.
Giallo noir premio a Paolo Sanna e il suo “Un coniglio bianco in una tormenta di neve” edito da Albatros
Ulteriori Premi speciali sono:
Miglior Opera (Poesia, racconto, libro) a tematica: Sociale (Premio Daniele Donati) a Loretta Emiri, autrice di Discriminati (Seri Editori)
Umoristica (Premio Gioacchino Belli) a Vincenzo e Massimo Guaglione, autori di “Gemelli dalla nascita (con tanto di pedigree) (Selfpublishing Youcanprint)
Erotica a Mauro Parisse con “Maria, Saffo e Selene… edito da Albatros.
Fantasy a Federico Paccani e il suo “I segreti di Asgralot” (Edizioni A.Car)
Omphalos alla miglior opera, racconto breve, con tema autismo a Sabino De Bari autore di “Partitura per pioggia”
Miglior Saggio a Giuseppe Lorentini e “L’ozio coatto” edito da Ombre Corte
Letteratura del viaggio premio a Bruno Zan, che ha scritto “Da Venezia a Rodi sulle rotte dei Capitani da Mar (Albatros)
Letteratura per ragazzi premio a Maria Concetta Armetta, autrice di “Armalilandia” – Pietro Vittorietti Edizioni
Miglior Giovane Poeta a Serena Ricci con “Je Reviendrai (Tornerò) edito da Albatros
e Premio Speciale Pelasgo 968 a Roberta Franchi autrice di “Dallagrande madre alla madre n. 3 volumi” (Edizioni dell’Orso)

Da evidenziare, tra gli autori locali che hanno partecipato, la segnalazione per l’edito a Giulia Ciriaci (segnalazione Per ragazzi), Chiara Galiffa (Segnalazione Opera Prima), Giorgio Massi (Menzione d’Onore), Fania Pozielli (Segnalazione Tematica sociale), Antonella Roncarolo (Menzione d’Onore) e per l’Inedito a Emidio Albanesi e Maria Rita Massetti. E con loro le case editrici locali che li hanno pubblicati, come Artemianova, Di Felice, Mauna Loa e Seri.