Home Cultura & Spettacolo Ascoli Piceno e Provincia Ascoli, L’Amministrazione comunale ripropone il ‘Progetto Infanzia’ coinvolgendo gli asili nido

Ascoli, L’Amministrazione comunale ripropone il ‘Progetto Infanzia’ coinvolgendo gli asili nido

228
0
Il sindaco Marco Fioravanti e l'assessore ai servizi sociali Massimiliano Brugni

Il Progetto Infanzia, che lo scorso anno aveva fatto fronte alle emergenze legate alla pandemia, riparte anche nel 2021 e coinvolgerà gli asili nido di Ascoli Piceno.

Nello specifico, agli asili nido di Ascoli Piceno “Preziosissimo Sangue”, “Sacro Cuore”, “Zero-Tre”, “Lo Scoiattolo” e “Lo Scarabocchio”, verranno forniti prodotti ad alto potere igienizzate per gli ambienti e pannolini: in aggiunta, verranno distribuiti colori a tempera, acquerelli, pastelli, colori a cera e pasta da modellare per far divertire i bambini. Le forniture copriranno l’intero anno scolastico.

Marco Fioravanti, sindaco di Ascoli, ha dichiarato in proposito: “Nel periodo più duro della pandemia lo spirito di comunità si è fatto sempre più forte e iniziative come questa ne sono stata la dimostrazione. Il lavoro di gruppo e la coesione nel perseguire obiettivi come il benessere comune e il miglioramento dei servizi rappresentano il valore aggiunto e la soluzione per uscire da periodi difficili come questo”

Massimiliano Brugni, assessore alle politiche sociali, ha aggiunto: “Ringraziamo il Gruppo Gabrielli per la sensibilità dimostrata donando non solo prodotti igienizzanti utili per contrastare la diffusione del virus negli asili nodo, ma anche strumenti didattici, colori e tanto altro materiale utile a rendere migliore il servizio rivolto ai bambini, dando loro la possibilità di imparare giocando e di affrontare al meglio il loro percorso di crescita. Un segnale di grande vicinanza che apprezziamo”.

“Abbiamo a cuore questo progetto in maniera particolare – ha concluso Barbara Gabrielli, consigliere del Gruppo con delega alla comunicazione – perché rappresenta da anni il concretizzarsi della nostra idea di attenzione al territorio, che quando diventa cura delle esigenze dei più piccoli assume un valore se possibile ancora maggiore e fortemente simbolico”.